Portonovo rimane a numero chiuso ma grazie ad una app si può prenotare anche il parcheggio

Martedì 6 Aprile 2021
Portonovo rimane a numero chiuso ma grazie ad una app si può prenotare anche il parcheggio

ANCONA  - Una app per prenotare le spiagge dal proprio smartphone o tablet, un’altra che regolerà il transito di auto in entrata dalla rotatoria a monte a seconda della effettiva disponibilità di parcheggi a valle, un semaforo regolatore lungo la via d’accesso, la riapertura del vecchio sentiero che collegava la baia fino a poco prima della seconda guerra mondiale, l’allargamento della attuale strada d’accesso. Sono diversi i temi su cui sta ragionando il Comune circa l’operatività e l’afflusso verso Portonovo per la prossima estate. Con la speranza, ovviamente, che il Covid abbassi la guardia e consenta vacanze regolari. 

 


Partiamo dalla possibilità delle app per la prenotazione di uno spazio nelle spiagge libere, visto che probabilmente è l’unica che andrà a regime dopo la sperimentazione dell’anno scorso, che dovrebbe essere estesa anche al parcheggio. «L’esperienza dello scorso anno secondo noi è stata positiva- afferma l’Assessore al Turismo Paolo Marasca- e quindi verrà riproposta, rispettando quelle che saranno le indicazioni sanitarie. Certamente, come ogni cosa è perfettibile e quindi proprio in base all’esperienza del 2020 siamo pronti a fare qualche cambiamento ed a rimodulare le modalità.

Occorrerà vedere, intanto, quante persone potranno avere accesso giornalmente, proprio in base all’andamento della pandemia, e poi trovare la soluzione giusta e praticabile. Gli uffici ed i tecnici ci stanno lavorando da tempo». Sempre in tema di cose certe c’è il posizionamento del semaforo lungo la strada d’accesso alla baia. Un esperimento messo in atto lo scorso anno per permettere agli autobus di linea ed al bus navetta di scendere in sicurezza che aveva peraltro causato diverse lamentele in quanto rallentava notevolmente il traffico con la creazione di lunghe file d’attesa.

«Quest’anno miglioreremo il sistema - spiega l’Assessore alla Sicurezza Stefano Foresi - in quanto il senso unico alternato non sarà sempre operativo ma verrà azionato dall’autista del bus una volta che arriverà in prossimità dell’impianto. Pensiamo anche a regolare l’afflusso di veicoli nella baia solo quando ci sarà disponibilità di parcheggi tramite un varco attivato nella rotatoria a monte e la creazione di una app per prenotare bus e posto auto in spiaggia». Poi c’è il discorso del ripristino della vecchia strada dalla rotatoria alla baia, usata fino 1939, quando tra diversi problemi venne scavata ed istituita quella attuale. In questo caso i tempi saranno più lunghi, ci vorranno almeno due anni, anche se sono già stati messi a bilancio 250.000 euro necessari.

«Negli ultimi giorni - spiega ancora Foresi - è stata tagliata l’erba e la vegetazione subito dopo la strettoia e prima del belvedere, effettuati diversi sopralluoghi ed affidato il progetto che stabilire il percorso di questo sentiero che possiamo definire ad uso trekking. Nel contempo, ma è una cosa a parte, stiamo lavorando ad un progetto di percorso pedonale, in sicurezza, realizzato dall’ampliamento della attuale strada che porta alla baia. Ma, anche in questo caso, non si riuscirà a completarlo per questa stagione».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA