Voglia di mare quanto ci costi: in tre mesi a Portonovo 3.400 multe per divieto di sosta

Sabato 11 Settembre 2021 di Roberto Senigalliesi
Voglia di mare quanto ci costi: in tre mesi a Portonovo 3.400 multe per divieto di sosta

ANCONA Una stagione da record. Nelle spiagge, nei ristoranti, chalet ed alberghi ma anche nel numero delle multe. Portonovo e Mezzavalle superstar della riviera del Conero anconetano. Sempre più amate, frequentate, ambite, piene di gente in arrivo dall’Italia e dall’Europa ma diventate sempre più care a causa delle migliaia di multe che da giugno ad agosto hanno raggiunto veramente una cifra stratosferica. 

 
I numeri
Le cifre parlano chiaro: a giugno la Polizia municipale ha staccato 825 contravvenzioni per divieto di sosta, a luglio 727 ed ad agosto ben 1.843 con punte oltre le 120 giornaliere in qualche sabato e domenica. Insomma una vera e propria strage, determinata dalla mancanza di senso civico ma anche dall’assoluta mancanza di parcheggi, a valle come a monte, che hanno portato ad una scelta da parte dei vacanzieri. O rinunciare a scendere nelle due baie oppure mettere in conto una contravvenzione da 42 euro (29 se pagata entro 5 giorni) nel budget di spesa giornaliera per una giornata al mare. Ed in tanti hanno optato per questa seconda soluzione. Un altro dato: nel 2019, l’ultima estate senza pandemia, le multe erano tre volte di meno (399 a giugno, 393 a luglio, 614 ad agosto) a testimonianza che negli ultimi due anni Portonovo e Mezzavalle hanno veramente raggiunto il boom di vacanzieri. Oltre che di multe. Fra i parcheggi a monte e quelli a valle la capienza complessiva, che non è stata assolutamente sufficiente per soddisfare tutte le esigenze, è di quasi 1.400 posti auto fra i 650 in basso (i due parcheggi lago Grande e della Torre, più quelli privati) e oltre 700 in alto (465 i due parcheggi nella zona Pieri e 250 nel parcheggio scambiatore).


La notorietà
«In effetti le due località - afferma la Comandante della Polizia Municipale Liliana Rovaldi- hanno oramai fama di grandi ed aspettative sempre più importanti. Accresciuta quest’anno anche dalla voglia di uscire della gente, dopo mesi chiusa in casa, e di raggiungere posti indubbiamente molto belli dal punto di vista naturalistico. Turisti indisciplinati e senza il rispetto delle regole? Più che altro gente che non voleva perdersi una giornata di mare nelle due baie, magari dopo essere venuti da lontano. E l’unica soluzione, ad un certo punto, era quella di lasciare l’auto in sosta, vista la saturazione dei parcheggi». «Per quanto ci riguarda- prosegue Rovaldi -, abbiamo sempre avuto una doppia presenza fissa a Portonovo in grado di assicurare sicurezza e viabilità. Tra l’altro c’era la novità del semaforo a chiamata da monitorare, che peraltro è andato molto bene. Abbiamo anche cercato di informare per quanto riguarda il regolamento della app per le spiagge libere e debbo dire che non ci sono stati particolari problemi per assembramenti».
Poi c’è il nodo Mezzavalle, o meglio la gente che, nonostante i divieti e gli avvertimenti, stazionava tranquillamente sotto le zone soggette a frana, magari per fare i fanghi. «Indubbiamente è un fenomeno che ha preso troppo piede. Sono andata personalmente per un sopralluogo dopo Ferragosto e mi sono resa conto della situazione. Che è da affrontare di petto per il prossimo anno. Stiamo pensando anche alla possibilità di fare delle contravvenzioni arrivando sul posto via mare. Sicuramente è un fenomeno che va stroncato per non mettere in pericolo i bagnanti ed anche chi li va poi a soccorrere». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA