Basta una piccola mareggiata: a Portonovo sparisce la spiaggia (e i 14mila euro per sistemarla)

Basta una piccola mareggiata: a Portonovo sparisce la spiaggia (e i 14mila euro per sistemarla)
Basta una piccola mareggiata: a Portonovo sparisce la spiaggia (e i 14mila euro per sistemarla)
di Roberto Senigalliesi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 8 Agosto 2022, 01:40 - Ultimo aggiornamento: 19:01

ANCONA - Come buttare 14mila euro a mare, senza ottenere un centimetro di spiaggia. A Portonovo è bastata una semplice maretta, non una vera mareggiata, per gettare in fumo, o meglio in acqua, il tentativo di rendere gli arenili più larghi e comodi per bagnanti ed operatori. Dopo il palleggiamento bis operato nelle nottate di giovedì e venerdì scorso le spiagge sono rimaste più ampie e livellate solo per la giornata di sabato.

Le polemiche post mareggiata

Poi l’arrivo del mare mosso ha riportato alla situazione preesistente, oltre che aver intorbidito l’acqua. Eppure sarebbe bastato informarsi sulle previsioni meteo per rendersi conto che il nuovo palleggiamento sarebbe stato inutile. Senza intonare la litania che con il mare non si discute. «E’ da almeno 3-4 giorni che si sapeva di questa situazione – afferma Sandro Rocchetti della Cooperativa Pescatori –. Le previsioni indicavano mare mosso da ieri per almeno 2-3 giorni e puntualmente si sono avverate». «Niente di eccezionale - continua Rocchetti - ma onde alte circa 80- 90 centimetri associate ad alta marea di una quarantina di centimetri hanno generato una robusta maretta ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti».

«Fortunatamente – prosegue – il vento proveniente da nord est è andato scemando fermandosi a metà Adriatico ed i danni sono contenuti. Ma la maretta proseguirà per un paio di giorni e penso che intaccherà le spiagge di Portonovo». Insomma lavori e investimento evaporati in due giorni. Che sarebbe stato un semplice rattoppo lo si sapeva già visto che per intervenire in maniera importante non sono sufficienti mille metri cubi di materiale prelevati in altri punti della baia e Portonovo attende da anni un restyling complessivo, previsto per il prossimo anno, anche se ancora non si conoscono le modalità. Interventi che dovranno riguardare anche la situazione critica del molo e che sono già suggeriti da tempo dagli operatori. La maretta di ieri ha messo il dito sulla piaga anche delle ferite dell’altro lato della baia. La spiaggia libera dalla torre e il Clandestino fino allo stabilimento di Bonetti, che non era compreso nel palleggiamento bis, è ridotta di oltre la metà, con i bagnati appiccicati fra loro a contendersi gli ultimi centimetri di arenile disponibile.

Spiaggia e parcheggi da tutto esaurito

La prima domenica di agosto a Portonovo, quella che introduce al pienone del mese, ha presentato il volto atteso. Tanta gente in spiaggia, parcheggi a valle sold out sin dal primo mattino e pienone anche nei tre parcheggi a monte. Solito giro dell’oca di chi non si arrende all’evidenza e scende anche con il rosso causando intasamenti al traffico con rischio investimento per chi procede a piedi nelle stradine della baia. Pienone anche a Mezzavalle, dove il mare mosso ha tenuto lontane le imbarcazioni alla fonda. Presenza continua delle forze dell’ordine: Polizia, Carabinieri, Vigili del fuoco e Municipale, che ha anche provveduto a staccare qualche decina di contravvenzioni per gli automobilisti più indisciplinati. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA