Basta una “maretta” e la spiaggia di Portonovo scompare: ripascimento solo nel 2023

Basta una maretta e la spiaggia di Portonovo scompare
Basta una “maretta” e la spiaggia di Portonovo scompare
di Roberto Senigalliesi
3 Minuti di Lettura
Domenica 31 Luglio 2022, 03:20

ANCONA - È bastata poco più di una maretta, con vento debole di maestrale, per mettere il dito sulla piaga più significativa di questa estate balneare a Portonovo. I fragili arenili delle spiagge, già precari nonostante il palleggiamento di materiale effettuato quasi un mese fa ma assolutamente non sufficiente a risolvere la situazione, hanno ceduto al peso dell’acqua, riducendo ancora drasticamente lo spazio a disposizione dei bagnanti.

E così chi ieri è sceso nella baia nonostante la giornata non promettesse bel tempo, ha dovuto effettuare una sorta di indietro tutta per non essere raggiunto dall’acqua quando era steso sugli asciugamani. Addirittura in alcuni punti, come ad esempio davanti allo stabilimento Emilia, sono stati tagliati diversi ombrelloni, raggiunti dal mare. È una delle tante criticità di Portonovo, che ormai non avrà soluzione per questa stagione ma che diventa impellente risolvere il prossimo anno quando, secondo quanto annunciato dal Comune, verrà effettuato l’agognato ripascimento completo della baia, visto che sono state destinate risorse per 300mila euro da parte della Regione. Cifra che dovrà coprire anche la sempre più precaria situazione del molo, oramai ridotto ai minimi termini e non più baluardo contro la forza del mare, né approdo sicuro in caso di necessità estrema.

Il caos sosta

Portonovo, nell’ultimo sabato di luglio e in vista del pienone agostano, ha fatto segnare un altro tutto esaurito, come testimonia il fatto che i parcheggi a valle erano già sold out a metà mattinata, con il corollario del solito carosello di auto alla disperata ricerca di un posto. Un’altra criticità, quest’ultima, che non verrà sicuramente risolta fino a che non verrà attuato un efficace controllo a monte. A proposito di parcheggi: il posizionamento di una prima tranche di new jersey al Lago Grande e alla Torre non hanno certo fatto registrare l’effetto sperato. Sia perché, come è accaduto al parcheggio della Torre, sono stati spostati nottetempo dai furbetti per recuperare spazio per le auto, sia perché gli scooter sono stati posteggiati tra una barriera e l’altra, annullandone l’effetto di garantire sicurezza e prevenire eventuali principi d’incendio. C’è da dire che il grosso dei new jersey verrà posizionato nei prossimi giorni, considerando anche che si tratta di una operazione complicata dal fatto che per essere completata c’è bisogno che negli spazi assegnati non siano presenti veicoli. E a Portonovo i parcheggi sono pieni non solo di giorno, ma anche di notte. Soltanto a posizionamento effettuato si potrà stabilire con certezza quanti saranno i posti auto, e per gli scooter, tagliati. Ma intanto si registra un sovraffollamento di scooter, lasciati in seconda o terza fila e ammassati uno sopra l’altro, nel park di fronte alla Capannina, dove tutti ora si riversano per la carenza di spazi alla Torre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA