Ubriaco litiga con la compagna, l'amica la salva dalla violenza: denunciato, deve lasciare la casa familiare

Ubriaco litiga con la compagna, l'amica la salva dalla violenza: denunciato, deve lasciare la casa familiare
Ubriaco litiga con la compagna, l'amica la salva dalla violenza: denunciato, deve lasciare la casa familiare
3 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Aprile 2022, 15:21

ANCONA - Ubriaco litiga con la compagna, l'amica la salva dalla violenza: denunciato, deve lasciare la casa familiare. È successo sabato pomeriggio ad Ancona, quando le Volanti della Polizia sono intervenute in zona Borgo Rodi per la segnalazione di una lite in casa.

Dipendente di un istituto scolastico suicida. La vittima è un uomo, ignoti i motivi del gesto estremo

Sul posto, le pattuglie notavano la presenza di una donna affacciata alla finestra di un appartamento, che attirava la loro attenzione. In casa c'erano tre persone: un uomo e una ragazza di nazionalità italiana, rispettivamente di 40 e 30 anni, legati da una relazione affettiva, nonché un donna albanese di 40 anni, amica della ragazza.

L’uomo si mostrava in evidente stato di alterazione psicofisica da abuso di sostanze alcoliche, e manifestava una forte insofferenza in relazione alla presenza in casa delle Forze dell’Ordine. La ragazza, dopo essere stata calmata dagli operatori, vista la sua forte agitazione, riferiva di essere stata vittima dell’ennesimo episodio di violenza posto in essere dal suo compagno, che l’aveva offesa, minacciata e aveva cercato di schiaffeggiarla al volto. Violenza che non si era concretizzata solo grazie all’intervento dell’altra donna, in quel momento presente in casa, che aveva difeso la ragazza e si era chiusa in camera insieme a lei, per sfuggire all’ira dell’uomo. In seguito a quanto riferito, la ragazza veniva accompagnata in Questura dove formalizzava una denuncia nei confronti del compagno. Quest’ultimo invece veniva denunciato per il delitto di maltrattamenti in famiglia. I poliziotti, dopo essersi coordinati con il Pubblico Ministero di turno, provvedevano a dare esecuzione, nei confronti dell’indagato, alla misura dell’allontanamento d’urgenza dall’abitazione famigliare. Per tale ragione l’uomo veniva accompagnato dagli Agenti presso l’abitazione oggetto dell’intervento, al fine di recuperare i propri effetti personali, per poi abbandonare l’appartamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA