Ancona, si barrica in camera e aggredisce i poliziotti con i coltelli: per fermare il 21enne serve il taser

ANCONA
ANCONA
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Novembre 2022, 16:36

ANCONA - Imbottito di alcolici e tranquillanti di barrica in camera, armato di coltelli, minacciando di farla finita. Per riuscire ad immobilizzare il ragazzo 21enne i poliziotti, minacciati con le armi bianche, sono costretti ad usare il taser.

È accaduto nella serata di ieri un appartamento in zona Pietralacroce, dove i sanitari riferivano che il giovane, successivamente identificato per un cittadino italiano di 21 anni, avvedutosi della loro presenza all’interno dell’abitazione, era uscito dalla propria camera da letto brandendo due grossi coltelli da cucina, e minacciava il predetto personale sanitario intimandogli di lasciare nell’immediatezza l’appartamento, salvo poi rinchiudersi nuovamente all’interno della camera con i coltelli al seguito.

Furbetti dei contributi Covid: imprenditore gonfia le perdite, dipendente si finge autonomo

Gli agenti trovavano nell’abitazione la madre del giovane, la quale riferiva che il figlio, già da qualche anno, soffriva di depressione e che, per tale motivo, era stato sottoposto alle cure mediche del Csm seppur, da circa un anno, avrebbe autonomamente deciso di abbandonare il programma. Inoltre, dichiarava che il giovane, nell’arco della serata, aveva palesato i suoi propositi suicidari e che, durante la cena, aveva assunto un ingente quantitativo di alcool e, a suo dire, di farmaci tranquillanti. Gli agenti, a quel punto, prendevano contatti con il giovane attraverso la porta della camera all’interno della quale si era barricato, tentando di instaurare con lo stesso un rapporto fiduciario al fine di fargli deporre i coltelli e sottoporsi alle cure mediche.Il ragazzo iniziava a colpire con forza la porta della camera, utilizzando un grosso coltello in suo possesso, riuscendo ad attraversarla con la lama e rischiando così di ferire gli agenti, mentre minacciava gli operatori anche di morte.

L'intervento

Gli agenti, a quel punto, notavano il silenzio del ragazzo ed udivano armeggiare. Pertanto, temendo che il giovane stesse compiendo un gesto inconsulto, i poliziotti procedevano a spingere con forza la porta d’accesso, scardinandola dalla sede, trovando una decisa resistenza da parte del ragazzo. Nella circostanza il giovane, facendosi scudo con l’infisso, tentava ripetutamente di ferirli utilizzando entrambi i coltelli in suo possesso, uno della lunghezza complessiva di 40 cm, l’altro di 20 cm. Tentativo rimasto vano, anche grazie alla prontezza degli agenti, i quali, in completa sinergia, contrastavano la resistenza del giovane e riuscivano ad aprire parzialmente la porta d’ingresso, creando un varco tra la porta e lo stipite, dando così la possibilità ad uno dei poliziotti di utilizzare l’arma ad impulsi elettrici Taser, dopo che già gli avevano intimato più volte di deporre i coltelli. L’esplosione dei dardi permetteva di inibire parzialmente la condotta del ragazzo, che gettava i coltelli e si arrendeva, consentendo ai poliziotti di contenerlo. Una volta in sicurezza, il ragazzo veniva trasportato presso il locale Ospedale di Torrette ove, dopo essere stato sottoposto ad accurati accertamenti medico sanitari, veniva ricoverato presso il Reparto di Psichiatria. Il giovane veniva inoltre denunciato per i reati di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, nonché per il reato di tentate lesioni aggravate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA