Lite per un sigaretta in piazza Roma, ferisce una ragazza con una bottiglia rotta: il brasiliano sarà espulso

Lite per un sigaretta in piazza Roma, ferisce una ragazza con una bottiglia rotta: il brasiliano sarà espulso
3 Minuti di Lettura
Sabato 20 Agosto 2022, 16:06 - Ultimo aggiornamento: 19:51

ANCONA - Ancora spifferi di violenza sulla movida di Ancona: ieri sera in piazza Roma la richiesta di una sigaretta è sfociata in una lite, durante la quale un brasiliano ha minacciato due ragazze con un coccio di bottiglia, ferendone una. L'uomo, irregolare e con precedenti, è stato denunciato e sarà espulso.

Ubriaco e sotto l'effetto della cocaina travolge due cicliste: ai controlli si spaccia per il fratello

L'allarme è ppartito alle 23,30 e i poliziotti, giunti sul posto, notavano la presenza di due ragazze che stavano discutendo animatamente con un soggetto di origine brasiliana. Le due ragazze riferivano che poco prima, mentre si trovavano nella piazza in compagnia di altri amici, chiedevano al brasiliano se avesse una sigaretta da offrirle. Dopo un breve scambio di battute, si sfociava in un alterco verbale con insulti reciproci, all’esito del quale l’uomo raccoglieva da un cestino dell’immondizia una bottiglia di vetro rotta, brandendola nei confronti delle ragazze, e ferendo superficialmente al braccio una di loro. L’uomo, che al momento del controllo risultava comunque collaborativo con i poliziotti, riferiva di essere stato provocato precedentemente da alcuni giovani con insulti a sfondo sessuale. Gli Agenti, dopo aver accertato che la ferita della ragazza fosse effettivamente superficiale e tale da non richiedere l’intervento in loco dei sanitari del 118, accompagnavano in Questura l’uomo. È risultato irregolare sul territorio nazionale, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio ed in materia di immigrazione. È stato denunciato per i reati di ingresso illegale sul territorio dello Stato, minaccia e lesioni. Inoltre la sua posizione veniva presa in carico dall’Ufficio Immigrazione della Questura, al fine di avviare le pratiche per l’espulsione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA