Pestaggio nel dehor: dopo l'arresto dell'americano il questore chiude il BarAonda per dieci giorni

Martedì 22 Marzo 2022
Pestaggio nel dehor: dopo l'arresto dell'americano il questore chiude il BarAonda per dieci giorni

ANCONA - Pestaggio al bar: chiuso per dieci giorni il locale. Il Questore di Ancona ha emesso in data odierna un provvedimento di chiusura del locale “Bar A Onda” a seguito dei gravi fatti verificatisi sabato sera, quando un giovane americano, ubriaco e positivo ai cannabinoidi, si era scagliato contro un giovane anconetano, provocanfogli lesioni per 40 giorni di prognosi. Il locale è accusato di non aver vigilato sulle condizioni psico fisische dell'aggressore.

Circondato e pestato in 15 contro uno: «Punito per aver spinto un ragazzo a cambiare religione»

 

É succeso alle ore 21 di sabato scorso, nel dehor esterno del predetto locale, due avventori, uno straniero ed un cittadino italiano, dopo aver consumato bevande alcoliche, iniziavano una furiosa lite con pugni e calci, che proseguiva a pochi metri dall’esercizio. L’azione di inaudita violenza, posta in essere da uno dei due soggetti procurava gravissime lesioni alla vittima successivamente soccorsa da personale medico del 118 ed accompagnata al nosocomio di Torrette di Ancona in prognosi riservata, con urgente necessità di visite specialistiche neurologiche, oculistiche e maxillo-facciali. E’ stato necessario far intervenire due Volanti sul posto, il cui personale accertava che l’aggressione era scaturita per futili motivi e che alcuni avventori erano riusciti a fatica a fermare la furia dell’aggressore, successivamente arrestato dalla Polizia di Stato per il reato  di lesioni gravi.

Il Questore di Ancona ha ritenuto che i fatti siano avvenuti anche in relazione ad un assoluta mancanza di controllo da parte della titolare del locale, peraltro assente in occasione degli avvenimenti: l’aggressore, infatti, sottoposto ad alcol-test presso il pronto soccorso, presentava un tasso alcolemico pari a ben 2.90 mg/l ed era positivo anche ai cannabinoidi; tale stato di alterazione psico-fisico fa presumere che il soggetto abbia assunto alcolici presso il suddetto locale ovvero, già in stato di ebbrezza, abbia continuato ad abusarne presso lo stesso. Inoltre il fatto che l’aggressore fosse già in stato di alterazione da sostanze alcoliche è stato riscontrato anche da quanto raccolto in sede di escussione di alcuni testimoni dei fatti.

Quanto avvenuto dunque sabato scorso appare di estrema gravità e crea notevole allarme sociale, atteso che la vittima, inizialmente in prognosi riservata, poi sciolta con una previsione di giorni 40, ha rischiato la propria vita e che nella circostanza sono stati inconfutabilmente compromessi l’ordine e la sicurezza pubblica.

Alla luce di quanto accaduto, è stato disposta la chiusura del locale, con decreto ex art. 100 TULPS emesso dal Sig. Questore di Ancona, per 10 giorni. Conseguentemente, questa mattina personale della Squadra Amministrativa e di sicurezza della Divisione di Polizia amministrativa della Questura ha posto i sigilli dinanzi al locale, con affissione di un cartello attestante la chiusura

Ultimo aggiornamento: 15:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA