Papà ucciso da un cavo in banchina
Il pm ordina una perizia sulla cima killer

Papà ucciso da un cavo
in banchina. Il pm ordina
una perizia sulla cima killer
ANCONA - Una perizia sulla cima che ha ucciso Luca, lunedì mattina sulla banchina 23 del porto di Ancona. La disporrà la procura per chiarire le cause per cui all’improvviso, all’alba di lunedì, il cavo si è spezzato a metà durante le operazioni di ormeggio della nave portacontainer Bf Philipp. Una carenza di manutenzione? Un errore nella manovra? Oppure un problema di usura? A stabilirlo dovrà essere un perito che verrà incaricato dal pm Rosario Lioniello di svolgere un accertamento tecnico sui due tronconi del cavo-killer, sequestrato dalla Guardia Costiera.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 12 Giugno 2019, 07:05 - Ultimo aggiornamento: 10:27