Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bimba di 20 mesi arriva all'ospedale in condizioni disperate, i medici del Salesi le salvano la vita

Bimba di 20 mesi arriva all'ospedale in condizioni disperate, i medici del Salesi le salvano la vita
Bimba di 20 mesi arriva all'ospedale in condizioni disperate, i medici del Salesi le salvano la vita
di Stefano Rispoli
3 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Settembre 2021, 01:55 - Ultimo aggiornamento: 4 Settembre, 09:46

ANCONA - Era arrivata mercoledì in condizioni disperate dall’ospedale di Pescara, dov’era stata sottoposta a un intervento di nefrectomia per un tumore renale. A seguito di complicanze post-operatorie, aveva perso molto sangue per un’importante emorragia addominale. Non c’era un minuto da perdere. L’altra notte, vista la situazione gravissima in cui la bimba di venti mesi versava, al Salesi si è deciso di operarla d’urgenza. C’erano poche probabilità che l’intervento riuscisse. E invece, il miracolo s’è avverato: i medici le hanno salvato la vita.

  

L’équipe

Certo, il quadro clinico della bambina di neanche due anni, che vive a Vasto con la famiglia, resta grave. «Ma notiamo segni di una lentissima ripresa», dice con cauto ottimismo il professor Giovanni Cobellis, primario della Chirurgia pediatrica del Salesi che ha operato la piccola insieme all’équipe composta dai chirurghi Fabiano Nino e Rosella Tallarico, con il dottor Alessandro Simonini, primario della Rianimazione pediatrica e gli anestesisti rianimatori Patrizia Bechi e Simone Pizzi. Fondamentale anche il contributo della psicologa pediatrica Oriana Papa che ha fornito un prezioso supporto ai genitori della bambina, piombati nella disperazione più totale, e a tutta l’équipe medica. 

La situazione

«La piccola paziente resta in condizioni gravi, è intubata nella Rianimazione pediatrica, ma ci sono piccoli segnali di ripresa», confida il professor Cobellis. «Restiamo molto cauti perché soffre di una insufficienza multiorgano, anche se siamo riusciti a stabilizzare le sue condizioni», aggiunge il dottor Simonini. La bimba è stata trasportata in elicottero al Salesi per le gravissime complicazioni successive a un intervento - che pure era riuscito - di asportazione del rene malato. L’alto profilo di specializzazione del Salesi e la presenza della dialisi pediatrica ha convinto i medici della Clinica pediatrica universitaria di Pescara a trasferire d’urgenza la piccola paziente ad Ancona. Ancora una volta, l’ospedale di via Corridoni si conferma un’eccellenza assoluta per tutto il centro Italia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA