Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Madre e figlia positive al Covid al pronto soccorso. La donna ricoverata, la bimba da una amica. «Tranquilla, ci vediamo presto»

L'ospedale di Torrette
L'ospedale di Torrette
di Stefano Rispoli
2 Minuti di Lettura
Martedì 30 Novembre 2021, 03:10 - Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 08:46

ANCONA - Si sono dovute separare al Pronto soccorso. La bambina, 9 anni. E la mamma a cui, probabilmente, ha trasmesso il Covid proprio la figlia che era stata contagiata nell’ambito di un focolaio scoppiato a scuola. Un arrivederci doloroso. E una promessa alla piccola: «Tranquilla, ci vediamo presto». Per la donna, alle prese con una forma più grave di infezione da cui è scaturita una sospetta polmonite, si è reso necessario il ricovero all’ospedale regionale di Torrette.

La sua bambina, invece, è asintomatica. Il problema è che la mamma non sapeva a chi affidare l’amore della sua vita, costretta all’isolamento perché positiva al Covid. «Potete assisterci entrambe?», ha chiesto al personale medico. Purtroppo ricoverare mamma e figlia nello stesso reparto era impossibile, a maggior ragione perché la bambina non presentava sintomi particolari. Era preoccupata più per lei che per se stessa, la madre. Che alla fine ha trovato una soluzione: l’ha affidata ad un’amica di famiglia, già alle prese con il figlio positivo. Ora la donna potrà concentrare tutte le proprie energie nella sua battaglia personale contro il virus. Non è grave, ma le sue condizioni hanno richiesto comunque il ricovero. 


L’emergenza dell’epidemia ha costretto l’Azienda ospedaliera di Torrette a rivedere l’organizzazione interna. In Pronto soccorso, l’area Covid è stata ampliata fino a 6 posti letto più 2 attivabili all’occorrenza. Altri 8 posti di terapia intensiva sono stati invece allestiti nella Rianimazione, come ha annunciato ieri l’assessore regionale Filippo Saltamartini. Salgono così a 28 le postazioni dedicate ai malati di Covid a Torrette (più 2 al Salesi), tutte finanziate e realizzate in attuazione del Dl 34.

La situazione all’ospedale, secondo l’ultimo bollettino della Regione, è questa: 3 persone sono ricoverate in terapia intensiva e 23 nelle Malattie infettive. A queste si aggiungono la 14enne in gravi condizioni nella Rianimazione del Salesi (soffre di altre patologie), una donna in Ostetricia e 5 bambini in Pediatria, sempre al Salesi, più 3 anziani contagiati dal Covid, in cura all’Inrca. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA