Ancona, occupa un terreno, fa costruire
un maneggio e non paga: rom arrestato

Occupa terreno, fa costruire
un maneggio, non paga
e minaccia: rom arrestato
ANCONA – Si fa costruire un maneggio (su un terreno pubblico), ma invece di pagare l’imprenditore lo minaccia e lo fa minacciare da altre famiglie Rom: un arresto, due denunce ed il complesso finito sotto sequestro.
I Carabinieri di Ancona Brecce Bianche hanno posto sotto sequestro un immobile, con annesso terreno di proprietà del Comune di Ancona, che da circa 15 anni era occupato abusivamente da una nota famiglia Rom.  Le attività di indagini, nate a seguito di una denuncia formalizzata da un imprenditore di Osimo presso i Carabinieri d Brecce Bianche, permettevano di ricostruire una gravissima vicenda estorsiva ai suoi danni, poiché – a seguito dei lavori eseguiti per la costruzione di un maneggio nonché delle stalle per il ricovero dei cavalli – a fronte della richiesta del pagamento del compenso dei lavori, per un importo di oltre 25.000 euro, riceveva minacce di morte da diversi appartenenti alle famiglie Rom di Ancona. Proprio a seguito di questo reato, per uno dei tre indagati, il 55enne S.D., che stava scontando la misura dell’affidamento in prova in sostituzione della custodia in carcere, si aprivano le porte del carcere di Ancona Montacuto, per un provvedimento emesso dal Magistrato di Sorveglianza di Ancona, che disponeva la “sospensione di misura alternativa” ed il conseguente arresto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 17 Maggio 2019, 16:57 - Ultimo aggiornamento: 17-05-2019 16:58

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO