“Vivere la Repubblica romana del 1849”, il nuovo libro dello storico Marco Severini presentato oggi ad Ancona

“Vivere la Repubblica romana del 1849”, il nuovo libro dello storico Marco Severini presentato oggi ad Ancona
“Vivere la Repubblica romana del 1849”, il nuovo libro dello storico Marco Severini presentato oggi ad Ancona
2 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Febbraio 2023, 11:24

ANCONA - Questo pomeriggio, giovedì 9 febbraio, ore 18 alla libreria Fogola di Ancona, viene presentato il nuovo libro di Marco Severini, storico dell'Università di Macerata, il libro “Vivere la Repubblica romana del 1849” (1797 edizioni, 2023, pp. 220). 

“Vivere la Repubblica romana del 1849”, il nuovo libro di Marco Severini

 ​Era una notte fredda, quella tra l’8 e il 9 febbraio 1849 e per questo ancora diverse famiglie mettono fuori della finestra o del balcone un lume in questa notte, per ricordare l’avvento della luce della civiltà democratica. 174 anni or sono nasceva tra gli evviva e i giubili la Repubblica romana, il primo esempio di Stato democratico, repubblicano e laico della nostra storia. Fondato sulla sovranità popolare espressa con le prime libere elezioni a suffragio universale della nostra vicenda storica, la Repubblica venne festeggiata dagli oltre due milioni di abitanti dell’Italia centrale che passavano con questo atto dalla condizione di sudditi a quella di cittadini. Dopo cinquanta giorni di direzione politica ferma ma non sufficientemente energica, i leader della Repubblica chiamarono al governo il padre della democrazia europea e della nostra patria, Giuseppe Mazzini: e quando la Repubblica venne attaccata da quattro stati europei, Ancona difese le istituzioni democratiche con incredibile coraggio, resistendo 25 giorni all’assedio posto dagli austriaci via terra e via mare.

Questi epocali cambiamenti furono festeggiati nelle Marche con particolari scelte gastronomiche: dal brodetto di pesce all’anconetana (piatto inventato nelle barche dei pescatori cucinando il pesce di scarsa quantità o qualità per la vendita) alle testine d’agnello (la parte in origine povera dell’animale, scartata dai macellai) della zona collinare (in particolare a Filottrano e dintorni) o sul classico arrosto misto di carne con patate per richiamare i primi grandi raduni conviviali che nel marzo 1849 attirarono centinaia di persone e, in alcuni casi, addirittura migliaia.

Visto che in tali circostanze si mescolavano nobili, borghesi e popolo minuto, i posti dei convitati venivano estratti a sorte, come omaggio al principio di uguaglianza, uno dei principi-cardine della congiuntura repubblicana.

Queste e altre notizie si trovano nel libro “Vivere la Repubblica romana del 1849”  di Marco Severini che in questi giorni viene presentato nel territorio marchigiano e oggi fa tappa ad Ancona (ore 18.00, Libreria Fogola).  A chi parteciperà da Fogola verrà offerto un aperitivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA