Gestiva un night e girava in supercar, ma era irregolare e con precedenti: albanese espulso

Gestiva un night e girava in supercar, ma era irregolare e con precedenti: albanese espulso
Gestiva un night e girava in supercar, ma era irregolare e con precedenti: albanese espulso
di Gianluca Fenucci
4 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Marzo 2022, 07:25 - Ultimo aggiornamento: 15:46

FALCONARA - Girava con auto tedesche di grossa cilindrata, mostrava un tenore di vita abbastanza alto e si era stabilito in provincia di Ancona da quasi venti anni, gran parte dei quali passati a Falconara Marittima. Il quarantatreenne albanese fermato ieri dai carabinieri della tenenza falconarese ed espulso è un imprenditore che gestiva il night Blue Moon ad Ancona, nella zona di Vallemiano ed aveva già avuto problemi con la giustizia in più di una circostanza. 

Arrivano le super spycam: targhe lette in tempo reale per fermare le auto sospette. La mappa

 

L’intervento

I carabinieri coordinati dal tenente Michele Ognissanti hanno dato esecuzione ad un provvedimento di trattenimento presso un centro di permanenza per rimpatrio emesso dal Questore di Ancona nell’ambito di una procedura di espulsione nei confronti del quarantatrenne di origini albanesi, irregolare sul territorio e gravato da diversi precedenti. All’uomo era stata già imposta la chiusura per venti giorni del night club Blue Moon lo scorso ottobre ad Ancona, a seguito di numerose turbative dell’ordine e della sicurezza pubblica che si erano verificate all’interno del locale. I militari lo hanno raggiunto nella sua residenza nel centro di Falconara ed al termine delle procedure amministrative lo hanno accompagnato presso il centro di permanenza per il rimpatrio di Bari, in attesa del primo volo charter disponibile per l’Albania. Il 3 ottobre 2021 all’interno del Blue Moon si era accesa una rissa nella quale diversi protagonisti erano rimasti feriti. All’arrivo degli agenti alcuni uomini coinvolti nella zuffa si trovavano riversi per strada, sanguinanti: quasi tutti erano gravati da precedenti penali e di polizia, per reati gravi tra cui oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, rapina aggravata, ubriachezza molesta, incendio, spaccio di stupefacenti, furto. Sulla strada, erano stati anche rinvenuti e sequestrati un coltello da cucina lungo 32 centimetri ed una bottiglia di birra infranta, utilizzati nella colluttazione. Per questi motivi il Questore di Ancona, lo scorso 8 ottobre, sulla base degli accertamenti della polizia amministrativa, aveva disposto la chiusura per venti giorni del night club di Vallemiano, gestito dall’imprenditore albanese di 43 anni espulso ieri dai carabinieri di Falconara. Al Blue Moon però gli episodi violenti erano accaduti altre volte in precedenza. Nel luglio 2020, ad esempio, una volante della Questura era dovuta intervenire nel locale per un’accesa lite tra un avventore ed il personale del pubblico esercizio. 

L’aggressione

L’uomo perdeva vistosamente sangue da una ferita lacero-contusa all’arcata sopracciliare destra e presentava escoriazioni al gomito destro ed alla mano sinistra: aveva riferito di essere stato picchiato all’interno del locale. I motivi di quella aggressione sarebbero stati riconducibili al fatto che l’avventore aveva preteso prestazioni sessuali da una donna che lavorava all’interno del locale dopo avere pagato una ingente somma di denaro per la consumazione di un cocktail. Il lavoro sinergico tra i carabinieri di Falconara e l’ufficio immigrazione della Questura ha ancora una volta permesso di individuare una persona irregolare che si è resa protagonista di vari reati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA