Tonnellate di rifiuti in due discariche abusive: sequestri, denunce e maxi multe

Venerdì 23 Ottobre 2020
Ancona, tonnellate di rifiuti in due discariche abusive: sequestri, denunce e maxi multe

ANCONA - Scoperte due discariche abusive dai miliatri del nucleo ambientale della Finanza. La prima operazione è stata svolta nella provincia di Macerata, dove è stata individuata un’area, di proprietà di un’azienda agricola, utilizzata illecitamente come sito di stoccaggio per varie tipologie di rifiuti, costituiti prevalentemente da sfalci di potature, sabbie miste, tappeti sintetici provenienti dal rifacimento di campi sportivi e scarti della demolizione.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus nelle Marche: record assoluto con 453 infettati, positivo un tampone su cinque/ La mappa del contagio

Caro Governatore, però manca ancora questo: altre quattro cose che servono per frenare i contagi da Covid

Il proprietario del sito, all'atto del controllo da parte delle fiamme gialle non è risultato in possesso delle previste autorizzazioni ambientali ed è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria competente per le violazioni al Testo unico sull'ambiente. Il terreno è stato posto sotto sequestro ed è stato fatto intervenire il personale tecnico dell’Arpam per eseguire la campionatura dei materiali rinvenuti, finalizzata ad attivare le successive operazioni di bonifica. La seconda attività si è svolta nella provincia di Ancona, dove i finanzieri hanno individuato un’area, posta all’interno di un polo industriale, adibita a discarica abusiva, con l’abbandono di rifiuti di varia natura, costituiti prevalentemente da scarti di materiale edilizio e derivanti dalle manutenzioni automobilistiche. È stata individuata la società proprietaria della superficie, che peraltro è risultata non direttamente responsabile dell'abbandono dei rifiuti, ma che comunque si è assunta l’onere di procedere al corretto smaltimento. Gli approfondimenti condotti e l'attività di indagine svolta dalle fiamme gialle sul luogo, hanno quindi consentito di identificare uno dei responsabili che ha utilizzato impropriamente il sito, abbandonando sul posto rifiuti domestici indifferenziati e ingombranti. Al soggetto è stata elevata una sanzione amministrativa, oltre l'obbligo del corretto conferimento, a proprie spese, dei materiali presso i preposti centri autorizzati. Le due attività hanno portato al sequestro complessivo di mq. 1000 di area agricola/industriale ed al rinvenimento di kg. 310.000 di rifiuti speciali. Il corretto conferimento di questi presso le discariche autorizzate, consentirà alla Regione Marche di recuperare il tributo cd. “ecotassa”, comprensivo di sanzioni quantificabili in circa € 10.000,00. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA