Addio a Armolao, angelo dei bagnanti
fu il pioniere del turismo a Palombina

Addio a Armolao, angelo dei bagnanti fu il pioniere del turismo a Palombina
2 Minuti di Lettura
Martedì 31 Ottobre 2017, 06:25

ANCONA - Si è spento nella sua casa, all’età di 97 anni, Armolao Carlo Cori, più conosciuto come Carlo, pioniere dagli anni ’50 dello stabilimento balneare di Palombina Nuova che porta il suo nome. Ancona perde un personaggio molto conosciuto, pioniere italiano nel salvamento in mare. Ne danno notizia la moglie Maria, i figli Massimo, Fabio, Paolo. «Ci ha insegnato l’onestà, la generosità e il rispetto», racconta il figlio Paolo. I funerali si terranno oggi, alle ore 15, presso la Chiesa di San Marcellino a Palombina Nuova.

Il “custode” dei bagnanti di Palombina si è spento nella notte tra domenica e lunedì, dopo una vita passata sull’arenile anconetano. Su 97 anni, 92 ne ha trascorsi sulla spiaggia. Una tradizione di famiglia quella del bagnino per Carlo. È stato suo padre Silvio ad insegnargli questa professione, a lui come a suo fratello Giovanni, scomparso qualche anno fa. Silvio fu infatti uno dei primi ad avviare un’attività balneare all’inizio del secolo sulla spiaggia dorica e i due fratelli Carlo e Giovanni, innamorati e convinti sostenitori della bellezza del litorale di Palombina, seguirono le orme del padre, realizzando ciascuno negli anni, due importanti realtà turistiche, e diventando per quasi un secolo, indiscussi protagonisti dell’accoglienza balneare di Ancona. In giovane età, già in forze al genio militare italiano, dopo lo sbandamento dell’esercito, Carlo Cori fu uno dei pochi superstiti dell’Operazione Dragoon, contribuendo tecnicamente allo sbarco alleato nelle coste di Nizza per la liberazione francese. Appartenente all’ufficio tecnico del Comune di Ancona, seguì anche importanti opere pubbliche della città dalla metà degli anni ‘70 alla fine degli anni ‘80, tra cui quelle riguardanti Collemarino, via Ricci, il Pincio e la diga di Marina Dorica. Cori però fu soprattutto uno dei più longevi soccorritori nautici, impegnato fin da giovanissimo, con diploma di salvamento estesogli poi a vita per meriti ed encomi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA