Ancona, Lollo non ce l'ha fatta: si è
spento nell'abbraccio di mamma e papà

Ciao Lollo, medico morto
per un linfoma. ​A 34 anni
lascia la voglia di combattere
di Stefano Rispoli
ANCONA - Il destino maledetto ha voluto infierire fino all’ultimo, soffiando sulla fiammella di speranza che si era accesa grazie al calore degli amici, del web, dell’Italia intera. Per lui si erano mobilitati politici, sportivi, attori. Tutti a proteggere la vita di Lollo in una campana di cristallo. Troppo fragile. Proprio quando in fondo al tunnel sembrava di scorgere un filo di luce, il male che per mesi ha scavato dentro di lui non gli ha dato scampo.
Gli ha tolto il respiro ieri sera, nel suo letto, stretto nell’abbraccio di mamma Amalia e papà Giovanni. Lollo non ce l’ha fatta.

Ha lottato come un leone, ha mostrato al mondo i segni orribili della malattia, senza vergogna. Ha chiesto aiuto al popolo del web, invocando un sostegno per le spese ingenti di terapie sperimentali che si praticano solo negli Stati Uniti e in pochi altri paesi al mondo. Il suo cuore ha cessato di battere quando l’affetto e le preghiere degli anconetani gli avevano permesso di guardare al futuro con fiducia. Lorenzo Farinelli, 34 anni, medico e attore, ragazzo intelligente, onesto, generoso, il figlio che ogni genitore vorrebbe avere, non aveva mai smesso di crederci, neanche quando la scienza, che ha studiato sui libri durante la sua brillante carriera universitaria, gli diceva che non c’era più nulla da fare.


CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 12 Febbraio 2019, 11:09 - Ultimo aggiornamento: 10:42