Focolaio al liceo classico, il Rinaldini riapre dopo la sanificazione: 6 classi in quarantena, ricreazione in classe

Mercoledì 19 Maggio 2021
Il liceo classico Rinaldini riapre dopo la sanificazione

ANCONA - Riapre il liceo classico dopo l’allerta Covid. Sei classi (più alcuni professori) resteranno in quarantena (5 fino a venerdì, la sesta fino a sabato) ma da oggi riprendono le lezioni in presenza per quanti non hanno avuto contatti diretti con la decina di studenti contagiati. All’indomani del focolaio che si è sviluppato al Rinaldini, infatti, l’istituto è stato sottoposto ad una sanificazione integrale e dopo le campionature nei locali svolte dalla Uoc di Igiene industriale negli ambienti di lavoro del Dipartimento di Prevenzione, l’autorità sanitaria ha dato il via libera al ritorno degli alunni a scuola, a partire da oggi.

LEGGI ANCHE:

Un ospite speciale questa mattina in acqua: e il video diventa subito virale

 

È stato scongiurato, dunque, il rischio di una chiusura a oltranza. La ripartenza è stata comunicata ieri dal docente delegato agli studenti e alle loro famiglie. L’attività didattica riprende in sicurezza, secondo il calendario prestabilito: le classi per le quali erano previste le lezioni in presenza potranno tornare a scuola, escluse ovviamente quelle in quarantena di cui 5 dell’indirizzo classico tradizionale e una dell’economico-sociale.

Sono state introdotte, però, delle novità: l’intervallo dovrà essere «svolto dagli alunni rigorosamente in classe e sotto la sorveglianza del personale docente», riporta la circolare diffusa ieri. Inoltre, «in un’ottica di salvaguardia in vista degli esami di Stato, le classi quinte di tutti gli indirizzi seguiranno la didattica a distanza dal 31 maggio e sino al termine delle lezioni». In pratica, le quinte osserveranno una settimana di Dad prima della chiusura della scuola, in modo da tutelare gli esami di maturità. L’istituto «raccomanda un comportamento responsabile e il rispetto delle norme anti-Covid da parte di tutta la comunità scolastica» e ricorda che «è fatto obbligo assoluto dell’uso dei dispositivi di protezione». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA