Covid al Rinaldini, il caso finisce in consiglio regionale. «Fare chiarezza sullo strano focolaio al liceo classico»

Giovedì 20 Maggio 2021 di Stefano Rispoli
Il liceo classico Rinaldini è rimasto chiuso 2 giorni per una sanificazione

ANCONA - Finisce in Consiglio regionale il caso del focolaio scoppiato al Rinaldini, con 6 classi, oltre 120 studenti e alcuni professori messi in quarantena. Il consigliere del Pd Antonio Mastrovincenzo ha depositato un’interrogazione in cui chiede chiarezza sull’improvvisa diffusione di contagi (una decina sarebbero i positivi accertati) che ha portato alla chiusura per due giorni del liceo classico, i cui locali sono stati sottoposti ad una sanificazione e a prelievi da parte dell’autorità sanitaria. 

LEGGI ANCHE:

Focolaio al liceo classico, il Rinaldini riapre dopo la sanificazione: 6 classi in quarantena, ricreazione in classe

 


«Sullo “strano” focolaio da Covid-19 esploso nei giorni scorsi al liceo Rinaldini, che ha provocato l’isolamento di 120 studenti di sei classi e di alcuni docenti, ho appena depositato una interrogazione - ha annunciato sui social Mastrovincenzo -. Risulta un numero imprecisato ma particolarmente elevato di contagi, soprattutto in determinate classi rispetto ad altre. Nel mio atto ispettivo chiedo in particolare: se nell’istituto scolastico siano state messe in atto adeguate misure di prevenzione e controlli nel corso dell’emergenza pandemica; come si sia diffuso il contagio, tra l’altro in modo molto difforme, con una concentrazione particolarmente elevata di contagi solo in alcune classi; se corrispondono al vero le voci secondo cui un docente non abbia indossato il Dpi in modo costante nelle lezioni in presenza, così come previsto dalla normativa nazionale (fatto non accertato e su cui alla preside non risultano segnalazioni, ndr); se non si ritenga necessario sollecitare ulteriori approfondimenti da parte degli enti preposti, quali Asur e Ufficio Scolastico Regionale». 


L’atto rivolto al presidente della Giunta regionale punta a far luce su un caso che potrebbe addirittura sfociare in un’interrogazione parlamentare e che risulta ancor più allarmante in un clima di generale riduzione dell’ondata pandemica e di progressive riaperture. Dalla scuola, al momento, non arrivano repliche. Sono 6 le sezioni attualmente in isolamento, di cui 5 dell’indirizzo classico tradizionale e una dell’economico-sociale. L’allarme era esploso la scorsa settimana, dopo i primi contagi accertati che avevano portato la dirigente scolastica, su indicazione dell’Asur che ha svolto il tracciamento, a disporre prima la quarantena per gli studenti venuti potenzialmente a contatto con i casi positivi, poi la chiudere l’intero plesso per una sanificazione e delle campionature. La preside in una circolare ha ordinato che la ricreazione venga svolta in classe, sotto la sorveglianza dei docenti e ha stabilito la Dad per tutti gli studenti delle quinte dal 31 maggio, in modo da non compromettere il regolare svolgimento degli esami di maturità. 

 

Ultimo aggiornamento: 21 Maggio, 10:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA