Ancona, lettera del bimbo di 5 anni
ai carabinieri: «Vi voglio tanto bene»

Martedì 30 Luglio 2019

ANCONA «Vi voglio tanto bene». Quando un bambino di 5 anni riassume in tre parole il sentimento di un’intera collettività. Lui è Matteo, è il figlio di un carabiniere, e ieri ha reso omaggio a Mario Cerciello Rega, il vicebrigadiere dei carabinieri ucciso da un turista americano a Roma, con un mazzo di fiori e un biglietto. Li ha lasciati davanti al cancello della caserma dei carabinieri di Brecce Bianche.

Carabiniere ucciso, la foto rubata con il sospettato bendato. L'Arma prende le distanze, scatta l'inchiesta interna

Un fiore, un nastro bianco, una busta con i destinatari: «Per i carabinieri». Dentro un biglietto commovente. Di vicinanza, di affetto, di condivisione del dolore. «Buona sera - vi è scritto - mi chiamo Matteo, ho 5 anni, volevo farvi sentire che vi sono vicino in questo periodo triste... Soprattutto oggi! Il mio babbo è un carabiniere e io sono molto orgoglioso di lui. Vi voglio tanto bene, Matteo». Un orgoglio che sarà senza dubbio ricambiato dal papà di Matteo e dalla sua famiglia che hanno trasmesso i valori che ispirano il biglietto. Non è stata l’unica testimonianza di vicinanza nei confronti dei carabinieri. Dal giorno dell’omicidio di Cerciello Rega, sono state tante le lettere e le telefonate di solidarietà giunte ai carabinieri a dimostrazione della stima che godono nella comunità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA