Liana Spazzafumo amica dell'infermiere arrestato è in apnea: «Un legame affettivo non può essere una colpa»

Liana Spazzafumo legata all'infermiere arrestato è in apnea: «Un legame affettivo non può essere una colpa»
Liana Spazzafumo legata all'infermiere arrestato è in apnea: «Un legame affettivo non può essere una colpa»
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Gennaio 2022, 10:51

ANCONA  - Dichiara d’essere in apnea, Liana Spazzafumo. «Sono in uno stato catatonico». La dirigente di Palazzo Raffaello si divincola dal ginepraio delle finte dosi del Paolinelli nel quale è finita. «Non sa niente di quanto scritto sulla stampa. Niente».

A dar voce alla sua incredulità è Marina Magistrelli. «L’indagine è appena all’inizio. Adesso - parla da avvocato difensore qual è - sappiamo che contestano a 50 persone di aver agito in malafede. Vediamo se al processo rimangono 50 o magari il numero scende a 10». Invita a procedere per gradi: «Non esageriamo a dare responsabilità a tutti anche solo perché erano affettivamente legati a qualcuno. Prima sentiamo le versioni di ognuno, poi giudichiamo le persone». Con calma.


È al loro fianco, come lo è stato in questi mesi. Filippo Saltamartini la mattina che segue lo scandalo dei falsi-vaccini è lì, in via Schiavoni, accanto ai sanitari che non si piegano. «Sono molto motivati, una mela marcia non tocca la genuinità e l’onesta del sistema». L’assessore regionale alla Sanità non intende confondere il caso-Luchetti, l’infermiere accusato di ottenere denaro da chi puntava al Green pass senza passare per la profilassi, con la squadra che conosce da sempre: «No, la responsabilità è personale. Ammetto d’essere meravigliato, sono passato spesso di qua e mi è sempre sembrata una famiglia. Vedo volti davvero provati». Ne è convinto, con fermezza: «È un fenomeno isolato». Divaga sul tema, per dimostrare la solidità delle fondamenta. «Questo è uno dei centri più importanti. Stiamo cercando una sede alternativa, definitiva. Non sappiamo se dovremo ricorrere alla quarta dose, ma ci dobbiamo preparare».

Torna a battere sul lato umano: «Ho toccato con mano i sacrifici del personale di questo hub, molti si sono impegnati fuori orario, senza remunerazione». Sacro, per lui, è il principio di vicinanza: «Sono scioccati. Sono stato lì stamattina (ieri, ndr) per dire loro grazie. Si sentono il dito puntato contro». Lascia l’amarezza sullo sfondo, per ristabilire l’ordine: «Ci sarà un processo ad accertare i fatti. Avrà un risvolto giuridico complicato». Su un punto va veloce: «Per la dirigente della Regione coinvolta mi sento di dire solo che verrà applicato il Testo unico sulla Pubblica amministrazione che prevede provvedimenti disciplinari». L’ultimo sguardo è ancora per quei volti. «Davvero provati». 


Capovolge i fattori, Francesco Acquaroli. «Credo che sia importante esaltare il gesto positivo: il sistema si è difeso da solo, ha fatto emergere il caso. C’è stato qualcuno che ha avuto il coraggio di denunciare. Non c’è stata una reazione superficiale davanti a un’anomalia. Tutt’altro». Il governatore onora il teorema investigativo di Carlo Miglietta, il medico odontoiatra che ha scoperto l’intrigo al Paolinelli. «Sono basito. In un momento di crisi sanitaria come quella che stiamo vivendo e in un’epoca di difficoltà del Paese, così piena di incognite, non riesco a farmene una ragione». Lo ripete, come fosse una preghiera: «È importante esaltare il gesto positivo».

Arriva a farne metafora: «La dimostrazione che la sanità marchigiana è serietà, professionalità, deontologia. Con un meccanismo di autodifesa, il soggetto negativo è stato individuato e isolato». Sulla dirigente regionale dell’Ars, finita nella trama dell’indagine, è telegrafico, il presidente: «Voglio capire bene». Non si capacita: «Dispiace che tutto ciò possa intaccare l’immagine di chi, e sono tanti, da due anni è in prima linea». La contrappone, di nuovo, a quella più bella: «All’interno dell’organizzazione ci sono serietà e coraggio». Incita a non modificare la rotta: «Si deve essere intelligenti e collaborativi». Un mantra. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA