Il Green pass gli scade a mezzogiorno, agente della polizia penitenziaria mandato a casa a metà del suo turno di lavoro

Lunedì 25 Ottobre 2021 di Stefano Rispoli
Il Green pass gli scade a mezzogiorno, agente della polizia penitenziaria mandato a casa a metà del suo turno di lavoro

ANCONA -  Il Green pass scadeva a mezzogiorno e puntualmente l’agente di polizia penitenziaria è stato rimandato a casa, a metà del suo turno di lavoro. È successo sabato nella casa circondariale di Montacuto. A segnalare il fatto, Gianluca Scarano, vice segretario regionale del sindacato Uilpa.

LEGGI ANCHE:

Accerchiato, gli strappano la catenina. Movida senza tregua, giovani deridono gli uomini della sicurezza

 

«Il collega non ha ancora potuto farsi il vaccino per motivi familiari, ma si sottopone regolarmente al tampone - spiega Scarano -. Sabato aveva comunicato ai superiori che il suo Green pass sarebbe scaduto a mezzogiorno. Sarebbe dovuto rimanere in servizio fino alle 16, ma è stato allontanato quattro ore prima proprio perché il tampone non copriva l’intera giornata». 


«Siamo al paradosso - continua Scarano -. Gli avvocati e i familiari dei detenuti che possono entrare in carcere senza l’obbligo di esibire il Green pass, mentre i dipendenti no. Crediamo che in questo modo venga leso il diritto al lavoro». Il sindacato Uilpa è favorevole al certificato verde, ma chiede che si rivedano le regole perché «già soffriamo di una carenza cronica di personale, a Montacuto siamo in 120 su una pianta organica di 170. Ben venga il Green pass, è fondamentale - precisa Scarano - ma allora si dia la possibilità agli agenti di polizia penitenziaria di sottoporsi al tampone gratuito in modo da garantire la continuità del servizio». 

 

Ultimo aggiornamento: 26 Ottobre, 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA