Green pass obbligatorio anche per i volontari del soccorso. Ma non ci saranno criticità

Domenica 26 Settembre 2021 di Claudio Comirato
Green pass obbligatorio anche per i volontari del soccorso. Ma non ci saranno criticità

ANCONA  - Il decreto del Consiglio dei ministri prevede che a partire dal 15 ottobre fino al 31 dicembre le disposizioni su Green-pass e rafforzamento del sistema di screening, già previste per i lavoratori di alcuni settori, siano estese a chiunque svolga attività lavorativa nel settore pubblico e privato, di formazione o di volontariato anche sulla base di contratti esterni.

 

Un provvedimento che chiama in causa il mondo del volontariato e una fetta importante di volontari è impiegato nell’ambito del trasporto sanitario, 118 compreso. Un provvedimento che non è destinato a creare problemi, come puntualizza Andrea Sbaffo presidente regionale dell’Anpas Marche: « La quasi totalità dei volontari che operano nelle pubbliche assistenze è vaccinata, la cosa di certo non ci ha sorpreso. +Nel provvedimento si dà risalto all’opera svolta dai volontari all’interno del servizio sanitario nazionale. Essere vaccinati è anche una forma di tutela nei confronti dei pazienti che vengono trasportati.

Al momento nell’ambito regionale non ci sono criticità». Le pubbliche assistenze si dovranno organizzare, soprattutto i primi giorni e in particolare quelle più grandi come la Croce Gialla di Ancona come specifica Sauro Giovagnoli responsabile di sede: «Volontari e dipendenti sono tutti vaccinati, noi abbiamo altre figure che dovremo controllare come i ragazzi del servizio civile, quelli dei lavori socialmente utili, gli studenti del progetto scuola lavoro. Ci stiamo organizzando per i controlli, nel frattempo abbiamo iniziato ad informare i vari referenti di queste figure che dal 15 di ottobre il Green pass sarà obbligatorio per entrare in sede e salire sui nostri mezzi».

Situazione sotto controllo anche alla Croce Gialla di Chiaravalle, altra associazione ben radicata nel territorio. Il presidente Francesco Pellegrini: «Dei circa 90 volontari che frequentano in maniera assidua la sede e fanno servizio attivo tutti hanno la copertura vaccinale, fatta eccezione per un paio di elementi che in questi mesi per coprire i turni si sottoposti a tampone. Problemi in tal senso non li abbiamo, se qualcuno è senza Green pass dovrà presentare un tampone con tanto di certificazione per poter entrare nei locali dell’associazione».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA