Gare di auto a tutto gas nel park del cimitero. Caccia ai giovani piloti con il blitz dei vigili

Le evoluzioni delle auto nel parcheggio del cimitero di Tavernelle
Le evoluzioni delle auto nel parcheggio del cimitero di Tavernelle
di Stefano Rispoli
2 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Settembre 2022, 04:40 - Ultimo aggiornamento: 12:30

ANCONA  - Non c’è pace nel parcheggio del cimitero di Tavernelle. Là dove dovrebbe regnare il silenzio, se non altro per rispetto dei morti, continuano a rombare i motori e lo stridore degli pneumatici di auto, moto e scooter di notte tengono svegli i residenti della zona. Colpa di baby centauri e aspiranti piloti che si esibiscono in gare da brividi ed evoluzioni spettacolari, pericolose oltre che rumorose. 

 
In un video girato da un residente si vede un’auto di grossa cilindrata sgommare attorno a una rotatoria del parcheggio con il freno a mano tirato. Poco dopo, ecco un altro giovane alla guida di una Smart eseguire la stessa evoluzione. Il filmato è stato consegnato alla polizia locale, intervenuta sul posto dopo aver ricevuto la segnalazione. 


Da tempo il park di Tavernelle si è trasformato in un circuito. Ragazzini in moto si divertono a cimentarsi in rischiose impennate e gare a tutta velocità: per non farsi scoprire oscurano le targhe con soluzioni rudimentali, talvolta utilizzando delle mascherine chirurgiche. «Ultimamente i vigili vengono più spesso, speriamo che prendano provvedimenti perché qui la notte non si dorme», dice il residente. Il problema non va sottovalutato: nel marzo scorso un 62enne ha raccontato di essere stato preso a calci e pugni da tre minorenni solo per essere sceso a protestare contro quei ragazzini che, in sella ai loro scooter, da giorni si esercitavano in gare nel parcheggio, tramutato in una pista da motocross. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA