Fiera di San Ciriaco a tutto mare
Commercio ma anche festa e svago

Giovedì 28 Aprile 2016 di Michele Rocchetti
Fiera di San Ciriaco a tutto mare Commercio ma anche festa e svago

ANCONA - Più che un evento di carattere commerciale, un'occasione di festa e di incontro. E' questo, secondo gli organizzatori, il segreto della Fiera di San Ciriaco, in programma ad Ancona dal 1° al 4 maggio. Pertanto anche quest'anno si replicherà il format delle passate edizioni, il quale prevede che la Fiera si sviluppi dal Passetto a piazza della Repubblica, in una suggestiva passeggiata da mare a mare. «Tra gli oltre centomila visitatori dell'edizione 2015 c'era gente di qualsiasi età ed estrazione sociale - fa sapere Remo Vigorelli della Blu Nautilus, la società riminese che ha gestito la Fiera negli ultimi diciassette anni -. Perché al di là della volontà o meno di fare acquisti, essa è percepita dai cittadini come momento di relax e luogo di ritrovo».
Un appuntamento, secondo l'assessore al commercio Pierpaolo Sediari, sentito e voluto dall'intera città in quanto segnale di appartenenza.

L'importante è dunque esserci. E per esserci nel modo migliore e il più a lungo possibile è necessario che la fiera si proponga anche come una gradevole passeggiata. Di qui la decisione di disporre nuovamente i banchi in piazza IV novembre, viale della Vittoria, largo XXIV Maggio, piazza Pertini e corso Garibaldi. Rimane invece esclusa piazza Cavour, ancora interessata dal cantiere, ma percorribile sui due lati per consentire il raccordo tra le due parti delle Fiera. 

Kermesse che sarà aperta dalle 8.30 alle 24 e che vedrà la partecipazione di 476 espositori (nel 2015 erano 12 in più, ma c'era a disposizione anche piazza Cavour) divisi per zone merceologiche. Come da tradizione, il settore predominante sarà quello degli ambulanti: 352, distribuiti lungo il viale della Vittoria, in largo XXIV Maggio e nel primo tratto di Corso Garibaldi. Tra questi sono compresi 21 banchi di gastronomia, ricchi di offerte appetitose per brevi spuntini. Verranno collocati in punti strategici come Piazza Diaz e largo XXIV Maggio. Ma ci sono anche i 28 stand de I Sapori Tipici e dei cibi di strada, posizionati al centro del Viale tra via Rismondo e via Bianchi, dove oltre ad un significativo gruppo di espositori marchigiani, che promuovono i prodotti del territorio, saranno rappresentate altre 13 regioni: Alto Adige, Veneto, Emilia, Lombardia, Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Puglie, Calabria, Sicilia e Sardegna. La campionaria viene riproposta, in forma ridotta, nel secondo tratto di Corso Garibaldi, con 20 stand che rappresentano in modo significativo il mondo delle aziende marchigiane. Esporranno articoli, attrezzature, servizi per la persona, la famiglia ed il tempo libero, ma anche per il lavoro e le imprese.

Nel mercatino degli artigiani gli espositori saranno circa 65, in gran parte nella Pineta del Passetto ed alcuni nel terzo tratto di Corso Garibaldi. Grazie a questa dislocazione i banchetti multicolori e multietnici degli artigiani serviranno da richiamo per il pubblico ai due estremi della Fiera. Al di là dell'apparato commerciale, la manifestazione avrà anche una serie di eventi collaterali. Il Luna Park verrà collocato allo scalo Marotti e resterà aperto fino all'8 maggio. Davanti al Municipio, ritorna lo stand promozionale dell'Esercito, con una piccola mostra di divise militari ed immagini. Diverse le iniziative di solidarietà organizzate e promosse da Onlus ed associazioni di volontariato. In particolare, alle ore 19 del 4 maggio ci si ritroverà tutti insieme in Largo XXIV Maggio, davanti al Municipio, per tentare la fortuna con la Tradizionale Tombola di San Ciriaco, organizzata dalla Croce Gialla. Invariati, rispetto al 2015, il costo delle cartelle, 2 euro e 50, ed il primo premio di 1.500 euro. I Fondi raccolti serviranno per sostenere le attività della Croce Gialla. I giorni di Fiera saranno inoltre allietati dalla presenza di suonatori ambulanti ed artisti di strada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento