Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ferie, no-vax sospesi e dimissioni. Sos infermieri a Torrette: c’è un nuovo bando

Ferie, no-vax sospesi e dimissioni. Ecco l'Sos infermieri: c è un nuovo bando
Ferie, no-vax sospesi e dimissioni. Ecco l'Sos infermieri: c’è un nuovo bando
di Stefano Rispoli
4 Minuti di Lettura
Domenica 12 Giugno 2022, 09:30 - Ultimo aggiornamento: 16:35

ANCONA -  Ferie da garantire, sospensioni dei no-vax e dimissioni per inseguire un posto fisso: la coperta a Torrette è sempre più corta ed ecco, allora, un nuovo bando per l’assunzione di infermieri a tempo determinato per un periodo di 12 mesi. Quanti? Impossibile dirlo adesso.

«Si tratta di creare un serbatoio per coprire assenze per ferie o per uscire improvvise: una graduatoria di pronta disponibilità, visto che quella di dicembre è terminata», spiega il direttore amministrativo Antonello Maraldo. Per partecipare all’avviso pubblico c’è una sola istruzione: presentare la propria candidatura online nell’apposita sezione degli Ospedali Riuniti entro le ore 12 del 20 giugno. Requisiti richiesti: diploma di laurea triennale e iscrizione all’albo professionale.

«Il bando è solo per titoli e questo è la dimostrazione che c’è una necessità urgente di assunzioni - interviene Raffaele Miscio della Fp Cisl di Ancona -. La carenza è dovuta al fatto che diversi infermieri stanno presentando le dimissioni volontarie perché sono stati assunti a tempo indeterminato in altri ospedali fuori regione, ma c’è anche una grossa difficoltà a garantire le ferie: c’è chi ha 20-25 giorni del 2021 da smaltire. Non c’è stato ancora alcun incontro sindacale per le stabilizzazioni e il piano ferie, per cui non riusciamo a quantificare con esattezza la carenza di personale». 


Il problema si pone soprattutto per l’area dell’emergenza e, in particolare, del Pronto soccorso, dove 4 medici non sono in servizio per varie ragioni e il personale, già oberato dal Covid, continua ad essere sotto pressione. 

«La richiesta di incontro ci è pervenuta giovedì scorso e convocheremo i sindacati per il 28 o 29 giugno - replica Maraldo -. Per quanto riguarda le ferie, la situazione non è così drammatica: a tutto il personale garantiremo 15 giorni di ferie consecutivi che, compresi i festivi, arrivano a 18. Il problema è che se nel frattempo subentrano defezioni per malattie o dimissioni, abbiamo bisogno di sostituire il personale: di qui la necessità di formare una nuova graduatoria per assunzioni a tempo determinato». A questo proposito, in via eccezionale, l’Azienda ha disposto che le giornate di assenza per ferie fruite nel secondo semestre 2021 vengano imputate, per quanto maturate, a festività soppresse 2021. 


Nella riunione con i sindacati di fine mese verrà affrontato anche il nodo delle stabilizzazioni. La giunta regionale, infatti, ha deciso di non approvare il piano di potenziamento del personale 2022, il relativo incremento della dotazione organica e il piano per l’emergenza Covid 2022, «in quanto non rientranti nel limite di spesa previsto», oltre al piano di potenziamento pandemico aziendale 2022. 


I vertici di Torrette prevedevano un incremento complessivo della dotazione organica di 476 posti per un impatto previsionale di spesa di 8 milioni di euro. Nel conteggio rientrano 212 assunzioni ordinarie e altre 250 circa per coprire i nuovi servizi e il potenziamento dei posti letto di terapia intensiva previsti dal Dl 34/2020 (220), più incrementi che riguardano, tra l’altro, una guardia attiva H24 nel punto nascita del Salesi (cardiologo e neurologo) e per l’unità spinale, come prescritto dalla Regione. «Sul piano delle stabilizzazioni 2022 permane la criticità legata alla carenza di posti nella pianta organica - precisa Maraldo - su cui però l’Azienda sta lavorando in collaborazione con la Regione, in attesa di ricevere le linee guida». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA