Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ancona, entra con le chiavi di riserva, si nasconde in camera e tanta di violentare l'ex coinquilina

Ancona, entra con le chiavi di riserva, si nasconde in camera e tanta di violentare l'ex coinquilina
Ancona, entra con le chiavi di riserva, si nasconde in camera e tanta di violentare l'ex coinquilina
2 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Gennaio 2020, 04:05

ANCONA - Entra in casa della connazionale, si nasconde sotto le coperte e, quando la donna arriva a letto, tenta di abusare di lei. È questo il quadro accusatorio ricostruito dalla procura sulla base della denuncia sporta, nel novembre 2018, da una donna del Bagladesh di 28 anni, rivoltasi agli agenti della questura dorica. 

LEGGI ANCHE:
Macerata, la madre muore, la figlia continua a prendere le tre pensioni per 5 anni: non ha soldi, sequestrate due case

Ancona, pestaggio nel salotto della movida: l'aggressore incastrato dalle videocamere e da Facebook


Il dito è stato puntato contro un connazionale 25enne finito sotto accusa per violenza sessuale e lesioni personali. Proprio per questi due reati, è stato rinviato a giudizio dal gup Francesca De Palma. Il processo si aprirà il 9 giugno 2021. In udienza, ieri, non s’è presentato nessuno per l’eventuale costituzione di parte civile della donna. L’uomo, difeso dall’avvocato Maurizio Nardozza e rappresentato ieri da Milo Sabbatini, ha sempre respinto ogni accusa, smentendo il racconto fornito dalla 28enne ai poliziotti. Tutto è avvenuto durante la notte del 14 novembre del 2018. Stando a quanto denunciato dalla donna, l’imputato si era introdotto in casa sua, alle Tavernelle, senza dirle nulla, per poi nascondersi in una stanza e sgattaiolare furtivamente in camera. Aveva le chiavi perché per un periodo l’imputato era stato ospite a casa della 28enne, essendo un conoscente del marito, assente al momento della presunta violenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA