Caccia ai vandali armati di spray: «Nessuno scampo ai writers con le telecamere»

Caccia ai vandali armati di spray: «Nessuno scampo ai writers con le telecamere»
Caccia ai vandali armati di spray: «Nessuno scampo ai writers con le telecamere»
di Teodora Stefanelli
3 Minuti di Lettura
Martedì 21 Dicembre 2021, 06:10

ANCONA - La caccia ai writers che imbrattano i muri è aperta anche se non sempre è semplice individuare gli autori degli sgorbi. A monitorare tramite le spycam i beni pubblici ci sono gli agenti della polizia locale di Ancona mentre, per quanto riguarda i palazzi privati, serve la denuncia del proprietario di casa.

«Se veniamo a conoscenza di imbrattamenti o danneggiamenti si fa subito il controllo delle telecamere – spiega la comandante della polizia locale Liliana Rovaldi –, e poi si verifica. Non è sempre facile scoprirli ma ci proviamo. Ad esempio, grazie anche all’aiuto dei carabinieri della Stazione di Collemarino, abbiamo individuato i responsabili del grave danneggiamento dell’ascensore pubblico avvenuto nella notte del 14 agosto. Per quanto riguarda i graffiti un paio di mesi fa sono stati scoperti gli autori proprio con l’aiuto delle telecamere». 

Le pene 

Anche se è difficile scovarli le punizioni per chi compie questi gesti ci sono. Il codice penale ha previsto la reclusione da uno a 6 mesi o la multa da 300 a mille euro, con la pena che aumenta se ad essere imbrattati sono beni di interessi storico o artistico. Il decreto legge del 2017 in materia di sicurezza delle città ha introdotto la possibilità di punire in modo più severo chi scrive sui muri con l’obbligo di pulire o rimborsare le spese per la rimozione. Anche il Regolamento comunale, all’articolo 17, stabilisce il divieto di «effettuare scritte o disegni sugli edifici pubblici o privati, sulle loro pertinenze, porte, muri, manufatti o infrastrutture, salvo autorizzazioni». Lungo il viale della Vittoria si incontrano le pattuglie della polizia locale, soprattutto in questo periodo di maggior afflusso per le feste. Con l’aumento dei contagi e l’ingresso della regione in zona gialla, è ancora più importante tutelare la sicurezza dei cittadini. Prosegue Rovaldi: «Siamo sempre presenti con una pattuglia sul posto. Inoltre ci sono degli agenti deputati solo al controllo del Green Pass». Il focus nella settimana di Natale è anche sulla gestione del traffico. «Nel weekend in città c’è stato parecchio movimento ma devo dire che è andato tutto bene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA