Tutto esaurito all'ora dell'aperitivo, blitz della polizia: maxi multe e chiusura forzata per un ristorante del porto

Domenica 24 Gennaio 2021
Il locale del porto chiuso per 5 giorni dalla polizia

ANCONA - Assembramenti e mancato rispetto delle normative anti-Covid: tolleranza zero al porto, zona franca dove pranzi, cene e aperitivi non sono vietati neppure in zona rossa. Maxi multe e 5 giorni di chiusura al bar ristorante Manganelli, dopo il blitz della polizia scattato venerdì attorno alle 18,30. Nonostante l’impegno del titolare a mantenere l’ordine, scongiurare il raduno di decine di clienti all’ora dello spritz è stato impossibile. E stavolta gli agenti non hanno fatto sconti a nessuno. 

 


Troppe persone ammassate all’ingresso del locale o sedute ai tavoli all’esterno, ben oltre il limite previsto dai Dpcm. Così sono scattate le misure punitive. Dieci clienti, tutti di nazionalità albanese, sono stati sanzionati: nel complesso, 4mila euro di multa, ovvero 400 euro a testa (riducibili a 280 se il pagamento avverrà entro 5 giorni). I poliziotti della divisione Polizia amministrativa, coadiuvati dai colleghi della Polmare, hanno constatato che nei dehors sistemati all’esterno del ristorante erano sedute più di 4 persone, limite massimo imposto dalla normativa, e non tutte indossavano la mascherina.

La stangata ha riguardato sia gli avventori albanesi, sia Andrea Manganelli, il titolare dell’esercizio commerciale: anche nei suoi confronti è stata elevata una sanzione da 400 euro. Con una pena accessoria, la più pesante, prevista proprio dalle speciali regole anti-contagio: la chiusura forzata del suo locale per 5 giorni. L’attività potrà riprendere da mercoledì, come indicato da un cartello affisso all’ingresso del locale. Sono in corso accertamenti anche per verificare se i circa 30 dehors siano stati installati nel rispetto della superficie di suolo pubblico occupabile. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA