Truffati dai falsi assicuratori, oltre al danno la beffa: maxi multa e sequestro dell'auto

I controlli dei vigili urbani
I controlli dei vigili urbani
2 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Marzo 2021, 04:10

ANCONA - Oltre al danno, la beffa. Due automobilisti anconetani, ignari di essere finiti nell’ennesima truffa dell’assicurazione, si sono visti sequestrare l’auto dai vigili urbani con tanto di super multa. Ora dovranno pagare la sanzione e attivare una nuova assicurazione di almeno sei mesi per potersi riappropriare dei veicoli. 


La scoperta è stata fatta martedì sera dagli agenti della polizia locale, guidati dalla comandante Liliana Rovaldi e impegnati in specifici controlli anti-Covid, finalizzati a verificare il rispetto delle normative contro la diffusione del contagio. I due automobilisti non avevano la minima idea di essere finiti in un raggiro: si sono resi conto che stavano circolando con polizze fake solo quando i vigili hanno esaminato la documentazione. 


Secondo una prima ricostruzione, la truffa si sarebbe concretizzata online, nel momento in cui i due automobilisti hanno provveduto a stipulare il contratto assicurativo tramite l’intermediazione di finti brokers. Le vittime hanno raccontato di aver pagato la cifra pattuita, particolarmente appetibile, effettuando una ricarica Postepay indicata su un sito web. Gli agenti hanno eseguito degli accertamenti sulle compagnie assicurative in questione e hanno scoperto che i truffatori avevano indicato nella parte iniziale del codice della polizza la stessa frequenza numerica utilizzata da una nota compagnia di assicurazioni. 


I due automobilisti, benché ignari del raggiro, sono stati puniti con una multa da 866 euro a testa e si sono visti sequestrare le auto che verranno restituite solo quando stipuleranno una nuova polizza della durata di almeno 6 mesi. Ma ora potranno dar seguito all’aspetto penale della vicenda sporgendo denuncia contro ignoti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA