Stacca i frigo dei concorrenti per far marcire pesce e carne per Capodanno: commerciante nei guai

Venerdì 21 Gennaio 2022
Stacca i frigo dei concorrenti per far marcire pesce e carne per Capodanno: commerciante nei guai

ANCONA - Quel guasto, la vigilia di Natale, sembrava tutt'altro che casuale: denunciato commerciante per aver danneggiato i generi alimentari dei concorrenti, soprattutto pesce e carne. Il fattaccio è avvenuto la vigilia di Natale in uno dei mercati coperti della città: l'uomo, denunciato dalla Polizia per violenza sulle cose e danneggiamento aggravato, è accusato di aver staccato l'energia, causando lo stop ai frigo per i giorni festivi. I generali alimentari si sono rapidamente rovinati, come è apparso evidente per l'odore al momento della riapertura.

Lupo con il radiocollare ucciso da una trappola a laccio per cinghiali: denunciato il bracconiere

 

I poliziotti  della Questura di Ancona, nelle ultime ore hanno concluso un’attività investigativa che ha visto coinvolto un commerciante di Ancona resosi responsabile dei reati di illecita concorrenza con violenza sulle cose e danneggiamento aggravato nei confronti di altri commercianti anconetani.

Il giorno della vigilia di Natale, ignoti  hanno interrotto dolosamente la fornitura di energia elettrica dal quadro dei contatori che alimentano frigoriferi e altre apparecchiature di uno dei mercati coperti della città. La mancanza di energia, protratta per giorni durante il ponte natalizio, causava inevitabilmente il deterioramento della merce stipata nei congelatori e nei frigoriferi dei rivenditori (perlopiù pesce e carne). Il fortissimo odore nauseabondo che ne derivava si diffondeva inevitabilmente sull’intera area del mercato non passando inosservato ai commercianti che, dopo la chiusura natalizia, si accingevano a riaprire le botteghe per il secondo round delle vendite dell’ultimo dell’anno e del Capodanno.

L’attività investigativa condotta dalla Polizia di Stato permetteva di individuare e deferire alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona un commerciante anconetano che, probabilmente per motivi concorrenziali, si è reso responsabile del gesto, causando il deterioramento degli alimenti.

Ultimo aggiornamento: 16:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA