Avevano la droga per la riviera, due spacciatori pedinati e catturati. Sequestrata cocaina

Venerdì 25 Settembre 2020 di Arianna Carini
NUMANA - Oltre 40 grammi di cocaina sequestrata e due arresti per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. È il bilancio dell’ultima operazione messa a segno dai carabinieri della Compagnia di Osimo.

 
Nei guai un italiano di 64 anni di Porto Sant’Elpidio e un 35enne albanese senza fissa dimora. Gli arresti scaturiscono dai servizi di controllo del territorio ed antidroga disposti dal Comando provinciale dei carabinieri di Ancona in tutta la provincia: controlli che negli ultimi mesi hanno portato ad assicurare alla giustizia diversi spacciatori, nonché al sequestro di svariati kg di stupefacenti. 
Tutto ha avuto inizio a Marcelli quando una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile ha notato due uomini a bordo di una Fiat Punto che poco dopo si allontanavano con fare sospetto. I militari hanno così deciso di pedinare la coppia fino a Porto Sant’Elpidio, dove nelle vicinanze di un bar è avvenuto l’incontro con altre due persone, salvo poi dividersi in direzioni opposte. A quel punto è scattato il controllo nei confronti del 64enne che è stato trovato in possesso di 2,5 grammi di cocaina nascosta nei pantaloni assieme a contanti per mille euro. La perquisizione estesa al suo domicilio ha portato alla luce altri 40 grammi della stessa sostanza psicotropa già suddivisa in dosi, un bilancino di precisione, materiale idoneo al confezionamento e 10 grammi di mannitolo, uno zucchero di origine vegetale utilizzato come taglio della cocaina allo scopo di aumentarne il peso e di conseguenza ricavare maggiori profitti.
Dalle prime indagini sarebbero emersi chiari indizi di colpevolezza anche a carico del 35enne albanese, sospettato di aver ceduto circa 20 grammi di cocaina ad un ragazzo del posto in uno chalet di Porto Sant’Elpidio. Per questo motivo i carabinieri hanno proceduto nei suoi confronti al fermo di indiziato di delitto, mentre il 64enne è stato tratto in arresto per possesso di stupefacente destinato allo spaccio. Entrambi sono stati portati nel carcere di Fermo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA