In calo rapine (-31%) e furti (-24%): più di 1.200 arresti in dodici mesi. I carabinieri hanno celebrato l’anniversario di fondazione con il prefetto

Il generale Nazzaro e il prefetto D Acunto alla cerimonia
Il generale Nazzaro e il prefetto D’Acunto alla cerimonia
di Edoardo Danieli
3 Minuti di Lettura
Sabato 6 Giugno 2020, 07:35

ANCONA  - Un calo complessivo dei reati negli ultimi dodici mesi. Un bilancio lusinghiero mitigato dal dolore per la perdita di numerosi militari, tra cui uno nelle Marche, a causa dell’epidemia di Coronavirus. È il bilancio che è emerso dalla cerimonia che si è svolta ieri alla Caserma Burocchi sede del Comando Legione Marche, per il 206° anniversario di fondazione dell’Arma dei Carabinieri. In una cornice sobria, in linea con le misure di contenimento disposte per l’emergenza sanitaria, il prefetto di Ancona, Antonio D’Acunto, e il Comandante della Legione, generale di brigata Fernando Nazzaro, hanno deposto una corona d’alloro in ricordo dei tanti Carabinieri caduti nell’adempimento del dovere e che hanno, con onore, servito il Paese.

LEGGI ANCHE:

Rubavano materiale alle terapie intensive per rivenderlo. Il medico choc al telefono: «Ci facciamo una mangiata...»


 
Il consuntivo dell’attività dell’Arma parla di oltre 30mila reati (per la precisione 30.022) perseguiti negli ultimi dodici mesi nelle Marche, che rappresentano l’86% dei delitti complessivamente commessi in tutta la regione. Nel corso delle indagini sono state denunciate 12.241 persone e, di queste, 1455 sono state arrestate. Secondo i numeri dei carabinieri, sempre negli ultimi dodici mesi, c’è stato un calo complessivo dei delitti (-14%) e in particolare dei reati predatori: in particolare le rapine sono diminuite del 31% e i furti del 24%. 

La cerimonia di Ancona si è svolta in contemporanea a quella di Roma, dove il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con un messaggio indirizzato al generale Giovanni Nistri, comandante generale dell’Arma, ha rivolto l’augurio più fervido degli italiani a tutti i carabinieri, sottolineando la dedizione dimostrata in questo periodo particolarmente difficile che «ha confermato quel rapporto di naturale relazione e fiducia con la gente, garantendo la prossimità rassicurante dello Stato, solidarietà e concreta assistenza».

Lo spirito di sacrificio dei militari dell’Arma è testimoniato anche dall’elevato numero di contagiati e di deceduti, ha proseguito il Capo dello Stato, che ha voluto esprimere la vicinanza e la riconoscenza della Repubblica ai Caduti di ogni tempo e ai loro familiari. Ad Ancona, in particolare, è stato ricordato l’appuntato scelto Federico La Rotonda, operativo alla Stazione Carabinieri di Macerata recentemente scomparso a seguito di infezione da Cociììvid-19, e rinnovato l’impegno a non far mancare alla moglie e al figlio l’affettuosa vicinanza e il sostegno dell’Arma dei Carabinieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA