Capitale della Cultura, Ancona c’è: subito al lavoro per il dossier

Lunedì 18 Maggio 2020
Capitale della Cultura, Ancona c è: subito al lavoro per il dossier

ANCONA  - Il Governo ha selezionato la candidatura di Ancona per la nomina a Capitale della Cultura del 2022. La “corona” del 2021 è infatti stata confermata a Parma per il prossimo anno. «Ancona ha sostenuto con forza la proposta di Parma, capitale italiana della cultura 2020, di esserlo anche per il 2021 alla luce della tragedia che ci ha colpiti tutti - ha dichiarato il sindaco Valeria Mancinelli - e ha reso impossibile la realizzazione dei molti progetti della bellissima città emiliana.

LEGGI ANCHE:

Pronti, ripartenza, via: tutto quello che c'è da sapere sul giorno più atteso nelle Marche

Il ministro ha accettato la proposta, ne siamo felici, e Ancona è dunque candidata a capitale italiana della cultura per il 2022. Ce la mettiamo tutta, ma guardiamo avanti e soprattutto guardiamo al principio della solidarietà: per questo, rispondiamo subito con convinzione alla proposta di Bergamo e Brescia, due città colpite come nessun altra dalla pandemia, che si candidano sin da ora, e assieme, per il 2023». Il termine per la consegna del Dossier di candidatura per il 2022 è il 30 di giugno. «Stiamo lavorando -afferma l’assessore Marasca - per disegnare un Dossier coerente con il lavoro che Ancona sta svolgendo, accogliente, di grande qualità, ma anche consapevole del nuovo paesaggio culturale e sociale che si sta aprendo davanti ai nostri occhi, e che nessuno è ancora in grado di cogliere nella sua esattezza. Ancona sarà una candidata estremamente valida, con un progetto molto forte e intenso, credibile, e pronta». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA