Ancona tra cantieri e sensi unici: percorso a ostacoli per il rientro in classe. Ecco le zone più a rischio

Cantieri e sensi unici: percorso a ostacoli per il rientro in classe. Ecco le zone più a rischio
Cantieri e sensi unici: percorso a ostacoli per il rientro in classe. Ecco le zone più a rischio
di Massimiliano Petrilli
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 14 Settembre 2022, 06:00

ANCONA  - Zaino in spalla. Un occhio all’orologio e dita incrociate per il traffico. La prima campanella odierna per gli 8.013 scolari dalle materne alle medie rimette in circolo migliaia di auto. L’emozione per il ritorno in classe si mescola con l’affanno dei genitori di conciliare il triangolo casa-scuola-lavoro. A cui quest’anno si aggiunge, in particolare nella zona del centro, anche l’insidia dei cantieri di via Montebello (lavori all’ex Stracca) e in piazza XXIV Maggio con il restringimento della carreggiata di via Giannelli. 

 

Sotto controllo
Ma le zone sorvegliate speciali, oggi e nel resto dell’anno scolastico, saranno anche le zone di via Urbino, Conero, Pinocchio, Tavernelle, Collemarino, Torrette e piazza Don Minzoni. «Avremo le pattuglie dei vigili urbani e degli ausiliari del traffico M&P dislocate all’entrata e all’uscita di 14 istituti - sottolinea l’assessore al traffico Stefano Foresi - così da garantire una maggior sicurezza degli alunni. In via Veneto per un miglior afflusso e deflusso alla media Leopardi, dove sono ospitate anche 5 classi dell’elementare De Amicis, abbiamo previsto il senso unico a salire in via Veneto e un percorso obbligatorio verso via Novelli. Così come in via Urbino, per la sicurezza degli alunni della media Podesti e dell’elementare Elia, via Urbino sarà a senso unico a salire con uscita su via Dalmazia».

Massima attenzione, con possibilità di traffico regolato da una pattuglia della Polizia locale, anche in piazza XXIX Maggio dove è ancora in corso il cantiere per la riqualificazione dei percorsi pedonali e dei marciapiedi. L’incrocio tra via Giannelli e il Viale della Vittoria rischia infatti di trasformarsi in un imbuto per il restringimento da tre a una corsia e mezzo. Qualche criticità anche per le auto in direzione galleria del Risorgimento con lo slalom tra le reti che delimitano il cantiere. Lavori destinati a durare almeno fino a metà ottobre, come sottolineato su queste colonne dall’assessore ai Lavori pubblici Paolo Manarini, «per il problema del reperimento dei materiali e il rinvenimento dell’antica porta Cavour».


Work in progress
In tema di cantieri, operai ancora al lavoro nelle classi della De Amicis almeno fino alle vacanze di Natale. Qui le opere da 2,6 milioni sono state consegnate il 4 ottobre 2021 e sono ad oggi in corso di esecuzione. Le 18 classi di primaria e d’infanzia De Amicis saranno ancora “in trasferta”. Undici classi delle primarie alla Ferrucci in via Cadore. Le restanti 5 classi delle primarie sono state ubicate alla scuola “Leopardi” mentre le 2 classi della scuola di infanzia hanno trovato ospitalità nell’edificio scolastico di via Redipuglia. Consegnati anche i lavori da 480mila euro alla primaria Collodi ma «interessano solamente una porzione dell’edificio, che verrà adeguatamente isolata per consentire il normale svolgimento delle lezioni nel resto della scuola» è stato sottolineato dal Comune nei gironi scorsi.

Appalto da 1,4 milioni avviato per l’adeguamento sismico ed efficientamento energetico della scuola dell’infanzia Garibaldi in via Torrioni, work in progress per la nuova Antognini (2,9 milioni). Al palo invece i lavori da 2 milioni per una porzione della Savio: è in corso un contenzioso con la ditta appaltatrice e sono in atto le procedure di risoluzione contrattuale. Da oggi in servizio i 18 scuolabus per 587 studenti, i viaggi di ritorno saranno garantiti solo quando le scuole fisseranno l’orario definitivo «dal momento che diversi mezzi servono più plessi scolastici» ha specificato il Comune. L’Amministrazione ha invece stabilito l’inizio della mensa scolastica da lunedì prossimo 19 settembre. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA