Arrivano anche i buoni viaggio in taxi: fondo di mezzo milione alle imprese. Ecco chi può beneficiare dei voucher

Sabato 8 Maggio 2021 di Massimiliano Petrilli
Arrivano anche i buoni viaggio in taxi: fondo di mezzo milione alle imprese. Ecco chi può beneficiare dei voucher

ANCONA -  L’ultimo assist alle persone fragili arriva sotto forma di voucher taxi. La Giunta ha infatti approvato i criteri per l’utilizzo dei 174mila euro di bonus viaggi da distribuire alle persone fragili per prendere taxi o di mezzi ncc (noleggio con conducente). I voucher viaggio si vanno così ad affiancare alle altre misure varate finora dal Comune per cercare di venire incontro alle esigenze sia delle persone che delle categorie economiche particolarmente colpite dagli effetti della pandemia

 

LEGGI ANCHE:

Megastore, l'inferno continua. L'ira dei negozianti: «Gli affari vanno a picco, fateci aprire nei weekend»

 


Il via libera a quetsi vouher arriva a pochi giorni di distanza dalla scelta della Giunta di posticipare il pagamento della prima rata Tari, dal 16 maggio al 30 settembre (il saldo il 3 dicembre anxichè il 16 novembre), la scelta di azzerare la Tari per i nuovi dehors e per i 750 posteggi mercatali, la sforbiciata al 50% dei canoni per i mercati coperti. Mentre è in arrivo il fondo da 500mial euro di contributi a fondo perduto per le micro, piccole e medie imprese del commercio dell’artigianato artistico e del turismo grazie allo spostamento, avallato dalla Regione, del mezzo milione in dotazione all’Iti waterfront, trasformandoli in voucher per interventi di piccola riqualificazione, comunicazione, piccole innovazioni. Le modalità per aderire a questo bando sono in via di definizione ma con ogni probabilità avverrà con un clic day fino ad esaurimento del fondo.

Il buono viaggio potrà essere speso entro il 31 dicembre e verrà erogato «a persone a cui è riconosciuta la Legge 104 e/o con invalidità civile riconosciuta per almeno il 74% - si legge nella delibera - nuclei familiari con minori e con valore Isee del nucleo familiare inferiore a 16mila euro; persone che necessitano di visite/cure/assistenza, presso strutture sanitarie pubbliche o private anche se accompagnate e fuori comune, compreso ritorno a casa; persone inserite nei percorsi di immunizzazione anti Covid, per il raggiungimento dei rispettivi punti di vaccinazione/tampone, anche se accompagnate; over70; donne in stato di gravidanza».

I buoni potranno essere utilizzati esclusivamente nei confronti di titolati di licenza taxi o noleggio Ncc, avranno tagli da 10 euro (massimo spendibili 2 a corsa) e non potranno coprire più del 50% della spesa della corsa. Una scelta finalizzata «a privilegiare le categorie di cittadini più fragili, colpite dalle limitazioni agli spostamenti per il contenimento della diffusione del virus - si legge nella delibera - Rilanciare e sostenere il servizio taxi e noleggio con conducente, particolarmente colpito dalla crisi determinata dall’emergenza Covid, fronteggiare l’emergenza sanitaria e le criticità legale alla mobilità in questo particolare contesto nel quale è necessario prevedere e agevolare forme di trasporto alternative a quello pubblico di linea».


«Queste decisioni – afferma l’assessore al Bilancio Ida Simonella - dimostrano ancora una volta la volontà del Comune di sostenere, atto dopo atto, i cittadini e le imprese colpiti dalla crisi economica causata dalla pandemia. Spostando il pagamento di qualche mese vogliamo far guadagnare tempo ai cittadini e venire così incontro alle famiglie che hanno maggiori difficoltà. Nel frattempo lavoreremo per quantificare ulteriori risorse da mettere a disposizione, dopo l’approvazione del rendiconto e la certificazione del cosiddetto Fondone Covid ricevuto lo scorso anno. Questa dilazione – conclude Simonella – ci consentirà anche di avere maggiori certezze dallo Stato su alcune disponibilità economiche funzionali per la messa in atto di manovre di sostegno a favore delle imprese».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA