Per 17 volte ha terrorizzato un minore: il bullo rom non si pente, a processo per estorsione e stalking

Mercoledì 22 Dicembre 2021 di Federica Serfilippi
Per 17 volte ha terrorizzato un minore: il bullo rom non si pente, a processo per estorsione e stalking

ANCONA - Un’altra messa alla prova revocata. Si va a processo per stalking ed estorsione. Non ha fatto sconti il Tribunale dei Minori al 18enne di origine rom arrestato nell’ottobre del 2020 dalla Squadra Mobile assieme ad altri ragazzi con l’accusa di aver minacciato e perseguitato dei coetanei (alcuni gravati da deficit cognitivi), tra botte e richieste di denaro. Al giovane, diventato maggiorenne da poco, il Tribunale di via Cavorchie aveva concesso un percorso di 18 mesi da passare in comunità per portare avanti attività rieducative.

 

L’annullamento della misura alternativa alla definizione del procedimento era sta stata chiesta dalla procura dopo la notizia dell’allontanamento non autorizzato del 18enne dalla comunità (si trova in Emilia Romagna) e la ripetuta positività ai test tossicologici. Ieri mattina, il giudice Laura Seveso ha deciso di revocare la messa alla prova. Dunque, il ragazzo dovrà affrontare un processo vero e proprio. È stata già fissata l’udienza: 15 febbraio 2022. Come chiesto dal difensore Michele Carluccio, si procederà con il rito abbreviato. 
Storia fotocopia
Il 18enne rom sta seguendo lo stesso percorso di suo coetaneo anconetano, anche lui arrestato nell’ottobre del 2020 dalla polizia e a cui è stata annullata la messa alla prova. Il 7 dicembre, in abbreviato, è stato condannato a scontare due anni e otto mesi di reclusione per stalking ed estorsione. Altri due arrestati, minorenni all’epoca dei fatti contestati (tra il 2018 e il 2020), sono attualmente in comunità per proseguire la Map: uno dovrà percorrere un iter riabilitativo e rieducativo di 18 mesi, l’altro di 27. Un quinto componente della gang, l’unico maggiorenne all’epoca degli episodi di prepotenza contestati dalla procura, è già stato giudicato fino al secondo grado: tre anni e quattro mesi di reclusione, sempre per gli stessi reati che hanno guidato l’inchiesta della Squadra Mobile, iniziata dopo le denunce dei genitori dei ragazzi presi di mira. Ieri, in aula, era presente l’avvocato di un minore perseguitato, il legale Laura Versace. 
Il giudizio
C’era anche il 18enne rom, nei confronti del quale il Tribunale ha ravvisato una volontà non seria di poter compiere un percorso di effettiva rieducazione all’interno di una comunità, data anche la positività frequente ai test tossicologici. Per quanto riguarda le accuse specifiche, sarebbero stati almeno due i ragazzi con cui se la sarebbe presa l’imputato, entrambi minorenni all’epoca dei fatti. Con la complicità di altri, avrebbe intimorito per almeno 17 volte un 16enne con problemi cognitivi, chiedendogli soldi: da un minimo di un euro a un massimo di 10. Il tutto, dice la procura, sotto costante minaccia: «Ti spaccio la faccio», «Ti tiro un pugno che ti rientrano naso e denti». Inoltre, il 18enne avrebbe spalleggiato dei complici per perseguitare sia il 16enne che un ragazzo che ha ormai compiuto la maggiore età. Ci sarebbero state percosse, minacce con il gesto del taglio della gola e la pronuncia di frasi intimidatorie. Alcuni episodi si sarebbero verificati in varie aree pubbliche della città, altri al di fuori della scuola Podesti Calzecchi Onesti di Passo Varano, frequentata da una fetta di bulli e vittime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA