Buche da paura si aprono sulla strada, l'asfalto-trappola è un pericolo per pedoni e automobilisti

Lunedì 25 Gennaio 2021 di Federica Serfilippi
La voragine che si è aperta alle Palombare

ANCONA - L’asfalto cede e perde i pezzi. Crateri, avvallamenti ma anche voragini lungo le strade. In attesa dei maxi restyling che porteranno alla manutenzione di molteplici punti ammalorati - come via Montagnola, l’Asse Nord-Sud, via Caduti del Lavoro, via San Martino, via Fuà e via della Loggia - non è fatto raro vedere il manto stradale sbriciolarsi. 

 

 
Nei giorni scorsi, per esempio, si è aperta una voragine lungo via delle Palombare, non tanto distante dal cantiere per la realizzazione della nuova chiesa di Santa Maria della Pietà. Si tratta di un “buco” profondo poco più di un metro che, appena partita la segnalazione dei residenti, è stato transennato a dovere dai tecnici comunali per evitare che qualcuno potesse finirci dentro. L’asfalto ha ceduto in un punto dove il manto stradale non sembrerebbe essere ammalorato a tal punto da far presupporre crolli del genere. Stessa situazione, ma con una frana di entità minore, lungo via Giordano Bruno, a pochi passi dalla stazione e dalla rotatoria di piazzale Italia. In questo caso, la crepa si è aperta nella zona dove insistono le strisce blu dei parcheggi “a spina di pesce”. Al contrario di quanto avvenuto alle Palombare, il cedimento è avvenuto in un punto già vessato da buche e avvallamenti. Anche in questo caso, i tecnici comunali sono intervenuti per transennare la zona e rendere off limits almeno due stalli. E la pioggia caduta nelle ultime ore potrebbe acuire i problemi di tenuta in altri tratti cittadini. A richiamare l’attenzione sullo stato degli asfalti cittadini è stato anche il gruppo comunale di Forza Italia che nei giorni scorsi ha monitorato la situazione della Baraccola, concentrandosi soprattutto su via Pastore: «Non è possibile – ha fatto sapere il coordinamento del gruppo forzista - che una via di così alta percorrenza sia ridotta in queste condizioni. Siamo a richiedere un intervento immediato da parte del Comune volto al ripristino e la messa in sicurezza dell’area». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA