Calciatori costretti a dribblare le buche, la società chiede aiuto al Comune: «Il piazzale del campo sportivo è un disastro»

Le buche nel piazzale del campo sportivo di Collemarino
Le buche nel piazzale del campo sportivo di Collemarino
di Claudio Comirato
3 Minuti di Lettura
Domenica 6 Febbraio 2022, 09:40

ANCONA - Calciatori costretti a compiere dei veri e propri dribbling ancor prima di scendere in campo. Succede in piazzale Righi a Collemarino, proprio davanti all’impianto “Sorrentino” gestito dalla società sportiva Nuova Folgore. 
Un campo storico: nel quartiere anconetano, infatti, passione e gioco del calcio sono sempre andate in sintonia, basti pensare agli anni d’oro del Collemar e ai tanti tifosi che oggi seguono il Colle 2006, squadra che sta facendo davvero bene nel campionato di Prima categoria.

Il “Sorrentino”, oltre ad ospitare partite dei tornei calcistici regionali, negli ultimi mesi ha iniziato a ritagliarsi anche delle vetrine a livello nazionale con squadre dei settori giovanili. 

Peccato che il piazzale antistante il campo sportivo sia ridotto ad un campionario di buche e avvallamenti. Una situazione piuttosto critica anche per il fatto che le squadre che arrivano in piazzale Righi lo fanno con i pullman, seguendo un percorso obbligatorio. Giocatori e componenti dello staff tecnico sono costretti a dribblare le buche per non finirci dentro. Quando piove, qui si formano pozzanghere profonde fino a dieci centimetri. Il passaggio è ostacolato anche dal pantano che, in caso di maltempo, si forma davanti al cancello d’ingresso dell’impianto. Come se non bastasse, in quest’area mancano anche le strisce che dovrebbero indicare i punti dove parcheggiare le auto, oltre agli spazi riservati al pullman della squadra ospite. 


A chiedere la risoluzione di questo problema è Renato Bussolari, presidente della Nuova Folgore. «Noi facciamo di tutto per tenere l’impianto a norma, ma il Comune ci deve dare una mano - spiega -. Non è concepibile che al “Sorrentino” di Collemarino arrivino squadre di caratura nazionale con i propri settori giovanili e si trovino di fronte ad una situazione di questo tipo. Non chiediamo la luna, solo la chiusura delle buche e la realizzazione di alcuni box anche per evitare la sosta selvaggia e dare modo ai pullman di fare manovra senza rimanere bloccati». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA