Blackout all'ora di pranzo, i locali restano senza luce in piazza del Papa: tutta colpa di un topo

Lunedì 19 Luglio 2021 di Stefano Rispoli
Corrado Bilò, titolare della storica trattoria La Moretta

ANCONA - Alle 14 in punto un botto, seguito dal blackout. Non bastava il nubifragio che sabato ha messo k.o. il Jet Set, invaso dall’acqua (a proposito: oggi il pub dovrebbe riaprire al pubblico). Ieri un guasto improvviso ha messo in ginocchio piazza del Papa, rimasta senza corrente elettrica per quasi un’ora. I disagi maggiori si sono vissuti nella trattoria La Moretta, dove una ventina di clienti erano seduti ai tavoli. 

 


«Eravamo nel pieno del lavoro - dice Corrado Bilò, titolare dello storico ristorante -. Per noi è stata un’ora d’inferno. Ci siamo ritrovati a lavorare senza luci, senza forno, affettatrice, lavastoviglie. La cucina ha dovuto lavorare solo con il gas e la friggitrice, in totale difficoltà. Io stesso mi sono messo ad accompagnare i clienti in bagno, utilizzando una torcia, perché pian piano anche le luci d’emergenza si sono affievolite». Insomma, un disastro. Complicatissime anche le operazioni alla cassa, visto che il Pos era fuori uso.

«Per fortuna i clienti ci hanno scherzato su e mi sono venuti incontro pagando in contanti, ma la preoccupazione principale era per i frigoriferi che stavano perdendo la temperatura: rischiava di andare tutto a male». Ma alle 14,50, fiat lux: la corrente è tornata, accompagnata da un applauso generale, non solo dei clienti della Moretta, ma di tutta la piazza, rimasta “al buio” per quasi un’ora, nella quale Bilò ha contattato i numeri d’emergenza dell’Enel, i vigili del fuoco, le forze dell’ordine. «Quando la luce è tornata - continua il ristoratore - il tecnico che nel frattempo era intervenuto per le riparazioni mi ha chiesto se poteva tenerla staccata ancora 5 minuti perché aveva scoperto l’origine del guasto». Tutta colpa di un topo che avrebbe rosicchiato un cavo elettrico, causando il blackout. Dopo il Covid e la bomba d’acqua, ci mancava il roditore. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA