Stalking ed estorsione ai ragazzini in centro, in carcere una baby gang. Ci sono anche altri 8 indagati

Lunedì 19 Ottobre 2020

ANCONA - Stalking ed estorsione aggravata nei confronti di otto vittime. Con queste accuse la Procura dei Minorenni di Ancona ha chiesto ed ottenuto cinque misure cautelari in carcere per ragazzi di età compresa tra i 16 e i 18 anni (uno li ha compiuti da poco, ma era minorenne all'epoca dei fatti), tutti italiani, mentre altri 8 sono indagati, per aver picchiato, minacciato ed estorto denaro a dei loro coetanei, due addirittura affetti da una minorazione psicofisica.

LEGGI ANCHE: «Che hai da guardare?». E poi picchiano, almeno quattro aggressioni della baby gang

«Le vittime sono state anche minacciate di morte - ha spiegato Giovanna Lebborono, procuratore dei Minori - con spiegazione sulla fine che gli avrebbero fatto fare. Tra le minacce dicevano ai ragazzi che li avrebbero messi in un sacchetto». L'indagine è partita a fine 2019 e ha visto impegnata la Squadra Mobile di Ancona diretta da Carlo Pinto e la polizia giudiziaria della Procura minorile. I fatti, accaduti nel capoluogo marchigiano e hanno interessato anche l'ambiente scolastico, oltre ai ritrovi, in centro e in quartieri periferici, dei ragazzi di quell'età.

LEGGI ANCHE: Nel mirino della baby gang: «Mia figlia barricata in casa, ha il terrore di incontrarli»

Ultimo aggiornamento: 14:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA