Si toglie la cinta e picchia gli agenti, choc in strada: manda tre vigili all'ospedale, arrestato e già libero

Mercoledì 20 Gennaio 2021
Il brasiliano arrestato ha picchiato tre vigili urbani

ANCONA - Si scaglia contro una pattuglia della Municipale ferma al lato della strada e spedisce 3 agenti all’ospedale. Lunedì attorno alle 19 in via Flaminia nei pressi della stazione metropolitana di Torrette un brasiliano di 24 anni è stato arrestato. Il giovane ha iniziato ad infastidire in maniera pesante le persone che si trovavano alla fermata dell’autobus, in modo particolare un 20 enne che ha preferito allontanarsi in direzione della pattuglia della Municipale ferma poco più avanti.

 

 

Giusto il tempo di mettere in sicurezza il ragazzo, che in zona è arrivato anche il brasiliano piuttosto alterato. A questo punto gli agenti gli hanno fatto capire che non era accaduto nulla di grave e che la situazione era sotto controllo. Quella che sembrava una semplice identificazione di persona con richiesta di documenti, in pochi istanti si è trasformata in un’aggressione. Il brasiliano si è slacciato la cinta dei pantaloni ed ha iniziato a colpire gli agenti con la fibbia. Una reazione inaspettata, tanto che alcuni colpi sono andati a segno. Poi il giovane è stato immobilizzato a terra e 
portato al comando delle Palombare. Il 24enne non si è calmato neppure lì, è stato necessario l’intervento del 118 perché aveva perso il lume della ragione. Una volta sul posto, i sanitari del 118 hanno preferito trasportare il sudamericano al pronto soccorso di Torrette seguito sempre dagli agenti della Polizia Municipale. Dopo qualche ora è stato riportato al Comando delle Palombare dove ha trascorso la notte nella cella di sicurezza. Ieri mattina il giudice ha convalidato l’arresto effettuato dalla Municipale ma ha deciso di rimettere in libertà l’uomo con l’obbligo di firma, In ospedale oltre al sud americano sono finiti anche i tre agenti della Municipale a cui sono stati riconosciuti 5 giorni di prognosi a testa per le percosse ricevute al momento dell’arresto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA