Agenti, spycam e vigilantes: il ministero blinda la costa dell'Anconetano. Ora le spiagge sono sotto sorveglianza

Agenti, spycam e vigilantes: il ministero blinda la costa dell'Anconetano. Ora le spiagge sono sotto sorveglianza
Agenti, spycam e vigilantes: il ministero blinda la costa dell'Anconetano. Ora le spiagge sono sotto sorveglianza
di Andrea Maccarone
3 Minuti di Lettura
Sabato 30 Luglio 2022, 04:15

ANCONA - Più controlli nelle località di mare con il progetto “Spiagge Sicure”. Per l’estate 2022, come già accaduto anche nel periodo pre-Covid, il ministero dell’Interno ha destinato una somma importante ai Comuni italiani interessati da intensi flussi turistici estivi.

Quest’anno ammontano a 5,5 milioni di euro le risorse destinate a 239 Comuni e derivanti dal fondo Fsu per la sicurezza urbana. Nella provincia di Ancona ne beneficeranno i Comuni di Senigallia, Sirolo e Numana per un contributo di 35 mila euro ciascuno che può essere impegnato per l’assunzione di personale della polizia locale a tempo determinato o per retribuire gli straordinari del personale in servizio.  Ma anche per l’acquisto di nuovi mezzi e attrezzature, e per la promozione di campagne informative per la sensibilizzazione dei danni derivanti dall’acquisto di prodotti contraffatti.

Il potenziamento

Preso atto che i Comuni beneficiari del contributo già nel 2019 hanno spinto sul fronte della sicurezza del territorio, con questa nuova manovra sceglieranno di proseguire su un’opera di potenziamento delle misure intraprese precedentemente. «Con i fondi del 2019 abbiamo comprato un fuoristrada per monitorare i sentieri del Conero - racconta il sindaco di Sirolo, Filippo Moschella - e rafforzato i servizi d vigilanza e di controllo sulle spiagge». Adesso si potrà provvedere all’acquisto di altre tecnologie come ad esempio «un fonometro per le rilevazioni acustiche ed evitare il disturbo della quiete pubblica e dei turisti - specifica Moschella - inoltre provvederemo a potenziare ulteriormente l’intero sistema di vigilanza». Ma nelle progettualità a tutela del territorio alcuni dei Comuni interessati dal decreto si erano già messi autonomamente al lavoro per proseguire nell’attività di sicurezza. A Numana, ad esempio, il sindaco Gianluigi Tombolini aveva già messo in campo il progetto Estate Tranquilla «con l’impiego dei vigilantes sulle spiagge e delle pattuglie dislocate sul territorio - spiega il sindaco - mentre per quanto riguarda le risorse del Ministero ne discuteremo internamente».

La situazione di Senigallia

 A Senigallia il sindaco Massimo Olivetti aveva già predisposto per l’estate in corso un intenso lavoro di prevenzione in sinergia con Questura e Prefettura di Ancona, operatori economici e associazioni di categoria. «Attività che ci sta dando grossi risultati - afferma Olivetti - ma per il futuro abbiamo approvato un’erogazione di risorse per l’acquisto di nuove telecamere. Con i fondi del Ministero proseguiremo su questa linea». E senza dimenticare un maggiore supporto al personale di polizia locale e vigilanza già impiegato su spiagge e il resto del territorio. «Se fosse necessario - continua il sindaco - potremmo pensare di realizzare anche una campagna educativa e di sensibilizzazione rivolta ai più giovani». Insomma i progetti di certo non mancano. E le risorse, a questo punto, nemmeno. Intanto l’estate entra nel vivo e l’affluenza dei turisti lungo la costa conferma le aspettative di inizio stagione. «Un’estate davvero sorprendente per la presenza massiccia di turisti - sottolinea il sindaco di Senigallia - nonostante tutto, al momento non si riscontrano problematiche particolari. La sinergia instaurata tra le autorità locali su progetti specifici di sicurezza e prevenzione sta dando i suoi risultati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA