Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Addio Maria, era la nonnina
della dinastia di allevatori

Addio Maria, era la nonnina della dinastia di allevatori
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 6 Giugno 2018, 06:55
ANCONA - Maria Giangiacomi, vedova Bartolucci, 101 anni, si è spenta lunedì mattina nella sua abitazione ad Ancona. Un’istituzione, tra la zona del Barcaglione di Ancona e Falconara, non solo per il secolo di vita passato in discreta forma - salvo un improvviso aggravamento negli ultimi mesi, dopo aver spento le sue 101 candeline il 20 dicembre - ma anche perché nonna Maria apparteneva a una delle più numerose (e longeve) famiglie dedite alla ristorazione con vendita e macellazione di carni provenienti da allevamenti a km zero. 

Da Torrette ad Agugliano, la zona del cosiddetto taglio di Torrette è da molti anni una zona dedita alle attività degli allevamenti e delle macellerie dei fratelli Giangiacomi famiglia numerosa e molto stimata ad Ancona e Falconara. Vedova da molti anni, Maria Giangiacomi lascia i figli Pierino, Ennio, Enzo e Ivana, i suoi otto amati nipoti (tra cui ci sono i figli di Enzo, titolari del ristorante “Paradiso” di Falconara) e tanti pronipoti che le sono stati accanto fino agli ultimi giorni di vita. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA