Rabbia e dolore al funerale di Alessandra Matteuzzi. Lo zio: «La Procura poteva fare di più». Domani la fiaccolata

Rabbia e dolore al funerale di Alessandra Matteuzzi. Lo zio: «La Procura poteva fare di più». Domani la fiaccolata
Rabbia e dolore al funerale di Alessandra Matteuzzi. Lo zio: «La Procura poteva fare di più». Domani la fiaccolata
2 Minuti di Lettura
Martedì 30 Agosto 2022, 17:36 - Ultimo aggiornamento: 22:35

BOLOGNA - Erano più di un centinaio le persone che si sono ritrovate alla Certosa di Bologna per l'ultimo saluto ad Alessandra Matteuzzi, uccisa a 56 anni dall'ex compagno, Giovanni Padovani, 27 anni, di Senigallia. Il calciatore dilettante lo scorso 23 agosto ha atteso la donna sotto casa per poi colpirla, a morte, con un martello. Lei lo aveva segnalato e denunciato alle forze dell'ordine.

Presente il sindaco Lepore

Dolore e rabbia, in parenti e amici, nel giorno dell'ultimo saluto ad Alessandra. Suo zio, presente alla cerimonia, non ha usato giri di parole: «Forse la Procura avrebbe potuto fare qualcosa di più e meglio» per proteggere la vittima. Alla cerimonia, tra le autorità,  presente anche il sindaco di Bologna, Matteo Lepore.

Domani sera è prevista una fiaccolata che, alle ore 21, partirà da piazza Liber Paradisus per ricordare Alessandra Matteuzzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA