Allarme amianto alla Volplast
Scatta l'ordinanza del sindaco

Mercoledì 29 Ottobre 2014
Allarme amianto alla Volplast Scatta l'ordinanza del sindaco

ASCOLI - Spunta l'ipotesi amianto anche alla Volplast. Ed ecco l'ordinanza del sindaco con la quale ora si sollecita l'azienda ad intervenire subito per la rimozione del rischio derivante dalla possibile dispersione di fibre nocive per la salute pubblica. Tutto parte dalla nota del Dipartimento di Prevenzione dell'Asur Marche Area vasta 5 pervenuta a fine agosto al Settore patrimonio e ambiente dell'Arengo con la quale, a seguito delle risultanze della relazione ispettiva, veiniva segnalata la necessità di emettere un provvedimento per l'eliminazione del pericolo derivante dallo "stato di degrado della componente cementizia delle coperture in fibrocemento dei capannoni industriali della Volplast, siti ad Ascoli in via del Commercio 210, per il possibile rilascio di fibre di amianto nell'ambiente esterno".In particolare, il tecnico incaricato dell'Area vasta 5 aveva evidenziato che "sulle coperture in fibrocemento sono visibili dei punti rotti, tra questi un pezzo di lastra sembrerebbe non vincolato alla sottostante struttura, non si esclude il possibile sollevamento e scivolamento a terra. Dall'esame storico della collocazione si può ritenere che quanto indicato possa contenere amianto. La copertura presenta stato di avanzato degrado della componente cementizia con formazione di licheni per cui è possibile il rilascio di fibre nell'ambiente esterno...". Si riscontrava, dunque, la possibilità di danneggiamento ulteriore e la conseguente possibilità di rilascio di fibre di amianto nell'ambiente circostante. Ed ora arriva l'ordinanza dell'Arengo con la quale si sollecita la Volplast di provvedere immediatamente alla messa in sicurezza in loco di tutte le coperture dei capannoni industriali danneggiate o dei frammenti, al fine di impedire la dispersione di fibre nell'ambiente, comunicando al Comune di Ascoli - Servizio ambiente- ed al Dipartimento di prevenzione della Asur Area Vasta 5, i provvedimenti adottati. Si ordina, inoltre, di provvedere altresì, entro 10 giorni alla produzione della documentazione da cui risulti la presenza o meno di materiali contenenti amianto delle coperture dei capannoni industriali e, in caso affermativo, la documentazione relativa allo stato di integrità, alla loro conservazione, al programma dei controlli periodici ed agli interventi di corretta manutenzione per minimizzare il rischio di esposizione e dispersione delle fibre di amianto.

Leggi Corriere Adriatico per una settimana gratis - Clicca qui per la PROMO

Ultimo aggiornamento: 31 Ottobre, 11:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA