Muore un ex operaio
L'ombra dell'amianto

Giovedì 6 Novembre 2014
Angelo Linari

ANCONA - Il cantiere navale piange un’altra sospetta vittima dell’amianto. Se n’è andato Angelo Linari, 58 anni, originario di La Spezia ma da vent’anni residente ad Ancona.

Una malattia l’ha colpito quando è andato in pensione e in pochi mesi lo ha rubato all’affetto dei familiari. Ieri pomeriggio si nella parrocchia del Cristo Divino Lavoratore si sono tenuti i funerali di un uomo solare, sorridente, gran lavoratore e partecipante attivo alle battaglie sindacali. Lascia la moglie Desirée e i tre figli.

Mesotelioma pleurico: questa la drammatica diagnosi ricevuta quando ha deciso di sottoporsi a controlli per problemi alla respirazione. Un male incurabile, che rappresenta meno dell’1 per cento di tutte le malattie oncologiche e che è strettamente connesso all’esposizione all’amianto. Angelo è volato in cielo nel giro di pochi mesi.

“La sua morte è un altro segnale di un dramma connesso all’utilizzo dell’amianto nella cantieristica navale - sottolinea Marco Bentivogli, segretario nazionale Fim Cisl -. Angelo è solo l’ultimo di una lunga lista di persone che hanno dato la vita nel cantiere navale di Ancona e che nel loro percorso lavorativo hanno affiancato l’organizzazione sindacale”. Linari, infatti, tra il 2000 e il 2008 è stato delegato sindacale della Fim Cisl.

Leggi Corriere Adriatico per una settimana gratis - Clicca qui per la PROMO

Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 18:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA