Pesaro, «Dai Carlo Alberto, sei il più forte»: Manzini chiama e lui si alza in piedi dalla carrozzina

La rinascita di un 26enne stimolato dal campione paralimpico

«Dai Carlo Alberto, sei il più forte»: Manzini chiama e lui si alza in piedi dalla carrozzina
PESARO - Una foto che vale più di mille parole. Carlo Alberto Petrucci in piedi, sulle proprie gambe, insieme all'amico Marco Manzini. Un miracolo, doppio....

Continua a leggere con la nostra Promo Flash:

X
Scade il 29/05
ANNUALE
11,99 €
49,99€
Per 1 anno
SCEGLI
MENSILE
1,00 €
4,99€
Per 3 mesi
SCEGLI
2 ANNI
29 €
99,98€
Per 2 anno
SCEGLI

VANTAGGI INCLUSI

  • Tutti gli articoli del sito, anche da app
  • Approfondimenti e newsletter esclusive
  • I podcast delle nostre firme

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA SPECIALE

Tutto il sito - Mese

6,99€ 1 € al mese x 12 mesi

Poi solo 4,99€ invece di 6,99€/mese

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Tutto il sito - Anno

79,99€ 9,99 € per 1 anno

Poi solo 49,99€ invece di 79,99€/anno

PESARO - Una foto che vale più di mille parole. Carlo Alberto Petrucci in piedi, sulle proprie gambe, insieme all'amico Marco Manzini. Un miracolo, doppio. L'ennesima dimostrazione di come il campione paralimpico pesarese di taekwondo riesca a stimolare la mente e il cuore di chi, come lui, ha visto il baratro e ne è uscito. Quella di Carlo Alberto, 26 anni, è una storia dolorosa quanto colma, oggi, di speranza. Per raccontarla bisogna riavvolgere il nastro fino a sabato 16 dicembre 2023.

 

La ripartenza

Un volo dal quinto pianto di casa, l'impatto devastante con il porfido del centro storico di Pesaro e poi il buio. Quello vero, con la vita appesa a un filo, il ricovero a Torrette, la disperazione di amici, famiglia e parenti. Il tempo, per Carlo Alberto Petrucci, poteva fermarsi quella sera. Invece è ripartito con determinazione e forza di volontà anche grazie agli stimoli continui di Marco Manzini, portatore sano di imprese impossibili, guerriero che non molla mai. «Carlo Alberto lo conosco perché è il figlio di un mio grande amico. Appena possibile, dopo l'incidente, ho cercato di trasmettergli tanta fiducia fino a quando, qualche giorno fa, dicendogli di dirmi a voce alta e convinta "che il più forte è lui", gli ho urlato di alzarsi dalla sedia a rotelle e dimostrarmelo. Perché io credo in lui e anche lui deve farlo. A quel punto, si è alzato. E stava ben dritto, sorridendo, insieme a me. E' stato bellissimo. I suoi genitori mi hanno ringraziato con il cuore in mano. Sono strafelici per questa grande impresa».

L’emozione

Il padre, Massimo Petrucci, racconta: «Mio figlio, quella sera, si è sbilanciato ed è volato giù. Ha riportato tanti danni fisici e fratture. Oggi è in sedia a rotelle. Marco Manzini, suo amico d'infanzia, gli ha regalato il libro che ha scritto. Leggendolo gli ha trasmesso tanta sicurezza e forza mentale. L'ultima volta che si sono visti Carlo Alberto si è alzato dalla sedia a rotelle, ha percepito l'energia positiva che emana Marco». Undici anni fa, in seguito a un terribile incidente stradale, Manzini si risvegliò dal coma profondo dopo 40 giorni. Aveva già ricevuto l’estrema unzione. Fondamentale, nel suo caso, fu lo stimolo sotto forma di audiomessaggio del suo idolo: Dino Zoff. «Da allora ci sentiamo ogni 15 giorni al telefono. Lui è il mio maestro e campione di vita. Parliamo di noi e, ovviamente, della Juve». Manzoff - come è stato ribattezzato dopo l'uscita del suo libro in cui racconta la sua rinascita - conosce bene la sofferenza ma anche la lotta. E stupendo tutti è diventato campione d’Italia paralimpico nella Coppa Chimera, bronzo all’Europeo open e cintura nera terzo Dan. E pensare che per dottori non avrebbe più potuto camminare.

La spinta

«Si deve reagire con tanta fiducia - ripete - Nella vita non conta essere forti ma sentirsi forti. La forza mentale che tutti abbiamo è potente e cura anche il corpo, ti dà il coraggio di superare ogni ostacolo senza avere paura. Io lo faccio ogni giorno da 11 anni senza avere più la forza ma solo credendo in me». Marco viene spesso fermato da persone che hanno letto la sua storia, lo ringraziano e chiedono anche di fare un selfie dimostrandogli grande rispetto. «Io rimango incredulo. A tutti dico: barcollo ma non mollo, dando tutto me stesso. Io ho vinto perché ci ho provato. Ho ripreso ad allenarmi, anche al mare, nonostante il poco equilibro che ho. La storia di Carlo Alberto, anche per me che ho visto all'inferno e che ancora oggi ci sono spesso dentro, mi ha stupito profondamente. E' vivo, ha voluto vivere, è mentalmente lucido, ha una resistenza incredibile. Se i medici con me hanno parlato di miracolo, con lui si deve parlare di supermiracolo da studiare per la medicina».

 

Leggi l'articolo completo su
Corriere Adriatico