Orologi, soldi, gioielli e anche un dente di Mammut: maxi sequestro da 6 milioni al pensionato. Era tutto rubato

Orologi, gioielli e anche un dente di mammut: maxi sequestro da 6 milioni al pensionato. Era tutto rubato
BOLOGNA - Cinquecento orologi, gioielli, circa 200mila euro in contanti, dipinti, strumenti musicali e reperti archeologici, tra cui anche un dente fossile di Mammut: c'era di...

Continua a leggere con la nostra Promo Flash:

X
Scade il 29/05
ANNUALE
11,99 €
49,99€
Per 1 anno
SCEGLI
MENSILE
1,00 €
4,99€
Per 3 mesi
SCEGLI
2 ANNI
29 €
99,98€
Per 2 anni
SCEGLI

VANTAGGI INCLUSI

  • Tutti gli articoli del sito, anche da app
  • Approfondimenti e newsletter esclusive
  • I podcast delle nostre firme

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA SPECIALE

Tutto il sito - Mese

6,99€ 1 € al mese x 12 mesi

Poi solo 4,99€ invece di 6,99€/mese

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Tutto il sito - Anno

79,99€ 9,99 € per 1 anno

Poi solo 49,99€ invece di 79,99€/anno

BOLOGNA - Cinquecento orologi, gioielli, circa 200mila euro in contanti, dipinti, strumenti musicali e reperti archeologici, tra cui anche un dente fossile di Mammut: c'era di tutto nel patrimonio sequestrato ad un pensionato 70enne dalla Polizia nelle sue case di Bologna e nelle Marche (in provincia di Pesaro). Un patrimonio dal valore stimato introno ai 6 milioni di euro.

In sella al suo scooter donna tamponata da un'auto vola a terra

La misura preventiva è stata proposta al Tribunale di Bologna sezione misure di prevenzione dal pm e dal questore. Il patrimonio era stato scoperto dalla Squadra Mobile nel marzo del 2023 e reso noto nell'ambito dell'operazione "Aurum", nella quale l'uomo era stato denunciato a piede libero per ricettazione. Gran parte dei beni, secondo quanto accertato dalle indagini, era infatti rietnuto probabilmente provento di furti, truffe e scippi commessi negli ultimi vent'anni. Il pensionato, un professionista incensurato, secondo gli agenti della Squadra Mobile, avrebbe acquistato la merce direttamente dagli autori dei "colpi". Non l'avrebbe fatto per rivenderla, ma per pura passione di collezionare e accumulare questi oggetti. «Questo patrimonio - spiega il dirigente della Divisione anticrimine della questura, Francesco Costantini - era totalmente eccedente il reddito di cui poteva disporre mensilmente. Questo è uno dei motivi per i quali la normativa antimafia, la 159 del 2011, consente la misura di prevenzione del sequestro patrimoniale».

 

Leggi l'articolo completo su
Corriere Adriatico