Fermo, quaranta pecore uccise dai lupi. Gli allevatori: «Aiutateci»

FERMO - Quaranta pecore sbranate nella notte a Campofilone, interi greggi decimati in pochi mesi.
Dall’ultimo appello lanciato dal pastore Fabrizio Scartozzi a gennaio sono stati sgozzati altri 107 ovini di sua proprietà. Animali morti che si aggiungono ai 63 dilaniati nel periodo invernale. Allevamenti sterminati da lupi famelici che girano liberi per le campagne fermane, dove hanno trovato l’habitat ideale. Fabrizio Scartozzi ha fotografato il figlio con le pecore morte «perché deve passare il concetto che in queste condizioni non abbiamo più futuro - dice il pastore - non possiamo portare avanti l’attività, anche con tutta la nostra volontà, le nostre imprese sono senza speranza. Contavamo sull’aiuto della Regione, ma non sappiamo dove mettere le mani, l’iter è confuso, è un caos totale».

Leggi l'articolo completo
su Corriere Adriatico
Outbrain
Coronavirus, un caso sospetto. La Regione Marche vuole chiudere scuole e università e vietare le manifestazioni pubbliche. Ma Conte blocca tutto. Numero verde per emergenze
L'Accademia delle belle arti rinvia le tesi finali di diploma. «No a rapporti con il pubblico»
Tornano da un viaggio in Cina, i connazionali li chiudono in casa per dieci giorni
Tre marchigiani sull'aereo partito da Roma e bloccato alle Mauritius per paura del contagio
Allarme coronavirus: chiuse per tre giorni le scuole a Urbino. Aperta l'Università